Vicenza: grazie ai centri estivi un solo euro per visitare i musei cittadini (2)

(AdnKronos) – (Adnkronos) – I centri estivi si svolgeranno, da giugno a settembre, in edifici scolastici, palestre, impianti sportivi messi a disposizione gratuitamente dall’amministrazione comunale e in altre sedi rese disponibili dai gestori. Le tariffe medie settimanali si aggirano sui 50 euro per la mezza giornata e 85 euro per la giornata intera, comprensiva di pasto e merenda.
E, infatti sono molte le proposte di centri estivi per offrire una valida alternativa durante le vacanze scolastiche: da quelli che propongono attività sportive di vario genere (tennis, pallacanestro, calcio, ginnastica artistica, parkour, orienteering, baseball, pallamano,…) a quelli dedicati all’inglese, al teatro, alla vela, a laboratori creativi. Alcuni propongono attività eterogenee (artistiche, espressive e sportive), altri offrono anche assistenza nello svolgimento dei compiti. Molti prevedono uscite sul territorio, a piedi, in bici o con i mezzi pubblici per raggiungere diverse strutture (piscine, oasi naturalistiche,…).
Anche quest’anno, grazie all’intervento dell’Ipab per i minori di Vicenza, viene data l’opportunità di partecipare ai centri estivi ad alcuni bambini e ragazzi delle famiglie in difficoltà economiche segnalate dai servizi sociali o dalle associazioni assistenziali operanti in città. La formula prevede la frequenza gratuita con la quota di partecipazione suddivisa al 70% a carico dell’Ipab per minori e il restante 30% a carico del soggetto gestore del centro estivo.