Al Virginian fa tappa “ubu re, ubu chi?” della valdarnese Kanterstrasse

22

AREZZO- Torna ad aprirsi il sipario del Teatro Virginian sul penultimo appuntamento in cartellone per la stagione di prosa 2018/2019. Mercoledì 10 aprile alle ore 21, sul palco del teatro di via de’ redi i riflettori si accenderanno su “Ubu re, Ubu chi?”, uno spettacolo provocatorio ed originale, prodotto dalla valdarnese compagnia KanterStrasse, che saprà rivisitare in modo fedele e al tempo stesso innovativo il celebre testo della quadrilogia di Alfred Jarry, inventore della cosiddetta Patafisica. Scritto, diretto ed interpretato dall’artista Simone Martini, stasera in scena con gli attori Luca Avagliano e Alessio Martinoli, la pièce di KanterStrasse si presenta come una riscrittura che del classico “Ubu roi” conserva tutta la dissacrante ironia e la sfrontata irriverenza ponendosi come una rappresentazione trasversale e pensata per parlare sia agli adulti che ai bambini.

“Siamo felici di poter ospitare uno spettacolo di qualità prodotto da un’altra compagnia amica e del territorio aretino– spiega l’attore Daniele Marmi, presidente dell’associazione culturale La Filostoccola.- Il lavoro di KanterStrasse è uno spettacolo piuttosto giovane che ha debuttato soltanto a marzo dell’anno scorso, collocandosi a metà strada tra il teatro di prosa e il teatro per ragazzi. E’ un classico moderno che narra di successi e sconfitte portando ad una riflessione, seria ed ironica, sul potere e le sue dinamiche”.

E’ il 1896 quando “Ubu roi” debutta tra lo scalpore generale del pubblico parigino cambiando per sempre il teatro. Oggi quella stessa opera conserva ancora tutta la sua attualità rivelandosi capace di dirci molto della nostra realtà e del mondo che ci circonda attraverso la parabola dell’ascesa al trono del suo protagonista. Lo spettacolo segue infatti da vicino le vicende del perfido Padre Ubu, capitano dei dragoni e dell’ingannevole moglie, Madre Ubu, che spingerà il consorte ad uccidere re Venceslao di Polonia per assumerne il potere. Ecco dunque che, anche nella versione di Martini, “Ubu re” continua a narrare di politica, di colpi di stato e di guerre rivelandosi un testo capace di parlare a tutti. Perché alla fine le regole del gioco sono ancora le stesse: potere, ricchezza ed ingordigia portano a consumare e a consumarsi sempre troppo velocemente.

Anche quest’anno in concomitanza con gli appuntamenti della stagione, tornano le gustose iniziative pre-spettacolo del locale Crepes de Lune antistante al Virginian: dalle 19 alle 21 potrete partecipare ad “Uno spettacolo di cena” con crepe e calice di vino a prezzo speciale. Il costo del biglietto intero sarà di 10 euro; il ridotto (under 25 ed over 65) costerà 8 euro. Per informazioni e prenotazioni è possibile contattare i numeri 3343425268 (Alessandro) e 3343385046 (Daniele).