Anche la visita diventa “sospesa”. Arriva ad Arezzo l’associazione che permette prestazioni sanitarie gratuite a chi è in difficoltà

medico

Verrà inaugurata il prossimo 18 ottobre alle 18,30 presso l’Health Point di viale Michelangelo 40-44. Si tratta della Banca delle Visite. Un progetto che sbarca anche ad Arezzo.

Con Banca delle Visite è stato mutuato il concetto del “caffè sospeso” in sanità.

Al posto del caffè, infatti, vengono rese disponibili visite e prestazioni sanitarie per i più bisognosi.

Aiutare chi non può permettersi una visita medica a pagamento, chi non può attendere i tempi del Servizio Sanitario Pubblico, chi ha bisogno di cure immediate. Ecco, con questi obiettivi, nasce la “Banca delle Visite”: una piattaforma web in cui offerta e domanda si incontrano in modo trasparente e limpido.

La Banca delle Visite, grazie alle donazioni di privati cittadini e aziende, garantisce a privati cittadini ed associazioni di volontariato l’accesso gratuito a visite mediche specialistiche e prestazioni sanitarie: le donazioni di denaro o l’acquisto diretto di prestazioni sanitarie da parte di privati cittadini o imprese diventano prestazioni sanitarie da erogare in favore di privati bisognosi o associazioni di volontariato.

Banca delle Visite è un progetto che porta la paternità di Fondazione Health Italia Onlus. Costituita per iniziativa delle Società di Mutuo Soccorso MBA Mutua Basis Assistance, Health Italia S.p.A. e la società Health Assistance.

Fondazione Health Italia Onlus nasce con un preciso obiettivo, quello di operare nel campo della solidarietà con un impegno concreto e costante. Nel tempo ha sostenuto diversi progetti per aiutare il prossimo, in diversi campi: assistenza sanitaria, assistenza sociale e socio-sanitaria, promuovere e gestire servizi educativi, formativi, culturali, sportivi e ricreativi per i bambini e i giovani, gestire servizi e promuovere iniziative per garantire il diritto allo studio, istituire borse di studio per favorire la frequenza di corsi di istruzione, promuovere iniziative volte a prevenire la dispersione scolastica, le difficoltà di apprendimento ed il disagio giovanile, gestire strutture ricettive per giovani e per studenti e servizi di accoglienza e ospitalità.