Ceccarelli: “Aree interne di nuovo al centro delle politiche regionali”

Vincenzo Ceccarelli
Vincenzo Ceccarelli

Dalle infrastrutture all’urbanistica, bandi specifici per i Comuni con meno di 5000 abitanti. Molti nell’aretino.

“Le aree interne sono tornate al centro delle politiche regionali per lo sviluppo”, a dirlo l’assessore regionale ad infrastrutture, trasporti e governo del territorio Vincenzo Ceccarelli che ricorda come l’attuale legislatura abbia visto un ritorno dell’attenzione e delle azioni regioanli a vantaggio dei piccoli Comuni e delle aree più svantaggiate. “Mi piace sottolineare – spiega – alcuni aspetti che testimoniano l’attenzione della Regione verso i Comuni, andando oltre quelle che sono le competenze regionali, in particolare a sostegno dei comuni più piccoli e delle cosiddette zone periferiche”.

“In tema di infrastrutture e mobilità – ha detto l’assessore – nelle disposizioni di carattere finanziario collegate alla legge di stabilità per l’anno 2020, sono stati stanziati 3,2 milioni a favore dei Comuni con meno di 5000 abitanti per interventi di manutenzione straordinaria sulla viabilità pubblica comunale. Non è la prima volta che questo avviene, infatti era già successo con € 500.000 nel 2017 per il 2018 e con € 2.000.000 nel 2018 per il 2019. Sono state previste inoltre risorse per la manutenzione straordinaria dei ponti e per gli interventi di sicurezza stradale sulla viabilità regionale, provinciale e locale. Su questo fronte la Regione investirà nei prossimi tre anni ben 9 milioni, che vanno ad aggiungersi a quelli già disponibili, grazie ai quali sono stati attivati  numerosi interventi anche in provincia di Arezzo. Si aggiunge poi un intervento che, come ha spiegato l’asses sore regionale al bilancio Vittorio Bugli, è stato pensato appositamente per i Comuni con meno di cinquemila abitanti, destinando loro 20 milioni in tre anni per nuovi investimenti su opere di interesse pubblico, siano esse strade, scuole o altro ancora. Saranno 15 i comuni aretini che ne beneficeranno”.

La stessa attenzione è dimostrata anche sul tema della rigenerazione urbana: “Grazie alle risoporse europee – ha aggiunto l’assessore – abbiamo finanziato grandi interventi nelle aree urbane più densamente abitate, ma con le risorse regionali abbiamo finanziato bandi per piccoli Comuni, per un totale di 4 milioni di euro. Nel triennio 2020-2022 su questo settore abbiamo messo a bilancio nuove risorse per oltre 6 milioni di euro, in modo da riuscire a finanziare ben 37 tra i progetti che ci sono stati proposti, 6 dei quali presentati da Comuni della provincia di Arezzo. Prosegue inoltre l’impegno per sostenere i Comuni che si sono impegnati nella pianificazione intercomunale, infatti dopo i  4 milioni destinati negli scorsi anni alla pianificazione strutturale, nelle legge di bilancio della Regione Toscana abbiamo previsto 400.000 euro per sostenere chi si doterà anche di i Piani operativi intercomunali”.