Concluse le giornate di formazione in vista del censimento permanente della popolazione e delle abitazioni

Nei giorni 24 e 27 settembre 2019, la Prefettura ha ospitato le giornate di formazione per i rilevatori e gli operatori di back office degli Uffici Comunali di Censimento di Arezzo, Bucine, Cortona, Lucignano, Montevarchi, Cavriglia, Terranuova Bracciolini, dell’Unione Montana dei Comuni della Valtiberina Toscana (per il Comune di Sansepolcro), dell’Unione dei Comuni Montani del Casentino (per Castel San Niccolò, Chiusi della Verna, Ortignano Raggiolo, Pratovecchio Stia, Talla e dell’Unione dei Comuni Pratomagno (per Castelfranco Piandiscò e Loro Ciuffenna), in vista del censimento permanente della popolazione e delle abitazioni, il cui avvio è previsto dal prossimo mese di ottobre.
Le giornate formative sono state condotte da due funzionari dell’ISTAT e vi hanno partecipato complessivamente circa 60 persone.

In apertura dei lavori, è stato ricordato come la strategia messa in campo dall’ISTAT prevede non più un censimento decennale, ma permanente, con cadenza annuale, basato su indagini campionarie e su informazioni provenienti da fonti amministrative.

A differenza del censimento decennale, quello permanente non coinvolgerà tutte le famiglie, ma campioni rappresentativi di esse, i cui dati raccolti restituiranno informazioni riferibili all’intero campo di osservazione.

I principali vantaggi introdotti dal nuovo disegno censuario, secondo quanto dichiarato da ISTAT, sono il forte contenimento dei costi della rilevazione e la riduzione del fastidio a carico delle famiglie.
Le operazioni censuarie interesseranno ogni anno solo parte dei Comuni della Provincia, mentre gli altri saranno coinvolti nelle rilevazioni una volta ogni 4 anni. Entro il 2021, tutti i Comuni parteciperanno, almeno una volta, alle rilevazioni.

A supporto delle attività svolte dall’ISTAT e da tutte le figure coinvolte nella rilevazione, in ogni Prefettura è stato costituito l’Ufficio Provinciale di Censimento, che collabora nella fase di formazione dei responsabili e dei coordinatori delle operazioni censuarie e che è coinvolto insieme ai Rappresentanti territoriali di ISTAT nel coordinamento delle attività di raccolta dati e nella vigilanza sul corretto svolgimento delle operazioni, fornendo supporto ai Comuni.