iGeneration – Ferrari SF90

Molto più di un nuovo modello, una pietra miliare nella della Ferrari” .

L’amministratore delegato del marchio, Louis Camillari, presenta così la nuova SF90 Stradale, e per una volta l’iperbole regge: come primo modello ibrido di serie, la SF90 apre davvero un nuovo capitolo della storia del .

Nuovo appuntamento con , la rubrica di Arezzoweb.it interamente dedicata al mondo dell’.

Dai agli elettrodomestici, dai videogiochi all’audio, dai cellulari ai , tutto questo e molto di più è iGeneration, ogni martedì alle ore 10.00.

igeneration

La nuova SF90 di casa Ferrari, il cui nome rende omaggio ai 90 anni della Scuderia, è stato presentato sulla pista di Fiorano.

Mille tondi tondi, che per inciso è il massimo mai raggiunto da una Ferrari di serie.

Il sistema ibrido della SF90 è composto da un motore V8 4.0 da 780 Cv e 800 Nm – evoluzione del V8 premiato come Engine of the year nel 2016, 17, 18 e 19 – abbinato a tre motori elettrici della potenza complessiva di 220 Cv.

Uno è al posteriore, fra motore e cambio, gli altri due sull’assale anteriore: la trazione, dunque, è integrale.

L’assale elettrico è stato ribattezzato RAC-e, che sta per regolatore assetto curve elettrico, perché in curva, lavorando insieme al controllo elettrico della trazione, ripartisce attivamente la perfezionando istantaneamente l’aderenza.

Il cambio è un doppio frizione a otto marce che sostituisce quello precedente a sette rapporti.

Il sistema ibrido ha aggiunto 270 kg di peso alla vettura, che sono stati parzialmente compensati dal telaio multimateriale con parti in carbonio.

La SF90 pesa 1.570 kg nella versione con componenti alleggeriti opzionali (cioè il pacchetto Fiorano che toglie 30 kg).

Vista l’esuberanza del propulsore, il rapporto peso/potenza rimane eccezionale: ogni cavallo deve muovere soltanto 1,57 kg.

Questo spiega le prestazioni: accelerazione 0-100 in 2,5 secondi, 0-100 in 6,7 secondi, velocità massima di 340 km/h.

Secondo la Ferrari, sul singolo giro sul circuito di Fiorano la SF90 anticipa di 34 metri la LaFerrari.

Molte le novità all’interno.

La SF90 è la prima Ferrari ad adottare il cruscotto digitale, e lo fa con uno schermo multifunzione da 16” mai visto su altri modelli, che può anche diventare un’enorme mappa del navigatore posta proprio di fronte agli occhi del pilota.

Per la prima volta su una Rossa anche l’head-up display, che proietta sul parabrezza le informazioni essenziali, all’insegna del motto occhi sulla strada, mani sul volante.

Tutti i comandi, avvio del motore compreso, si danno sullo schermo touch integrato.

Ultima novità digitale, l’ingresso completamente keyless: sparisce dalle portiere anche l’antiestetico cilindro della serratura.

La nuova chiave, molto più sottile della precedente, ha proprio la forma perfetta – un rettangolo giallo lungo e stretto, con tricolore e cavallino rampante – per candidarsi a diventare il prossimo oggetto del desiderio dei ferraristi.

Il costo?

Circa 550 mila euro.

Ferrari SF90