Il Cinema a portata di Smartphone, le uscite di questa settimana

151

Il mese di marzo ha riservato tantissimi sorprese cinematografiche.
Ci siamo divertiti
Commossi.
Abbiamo sorriso.
E come sempre abbiamo sognato
I film di marzo di hanno fatto immergerei in atmosfere uniche.
Ogni volta che le luci si sono spente a vincere sono stati il silenzio, la lentezza, il buio, la magia
Vediamo allora che cosa ci riserverà il mese di aprile.
Decimo appuntamento con la nuova rubrica di Arezzoweb.it dedicata al cinema.
Il cinema a portata di Smartphone.
Una agevole e veloce guida alla programmazione dei film in uscita nella nostra città.
Per riaffermare con gioia che “la cultura è un bene comune primario come l’acqua; i teatri le biblioteche ed i cinema sono come tanti acquedotti”.
Ecco in anteprima le uscite di oggi giovedì 4 aprile 2019.

book-clubBOOK CLUB – TUTTO PUO’ SUCCEDERE di Bill Holderman
“Quattro donne sessantenni leggono Cinquanta sfumature di grigio e la loro vita prende una svolta inaspettata”.
Quattro amiche non più giovani fanno parte di un club del libro nel quale condividono letture e si scambiano consigli. Diane è rimasta vedova dopo 40 anni di matrimonio; Vivian, nonostante l’eta, ancora si rifiutà di imbarcarsi in una relazione seria; Sharon è un giudice federale ritiratasi a vita privata dopo il divorzio; Carol ha un matrimonio saldo ma affievolito dalla routine. La lettura del best seller erotico Cinquanta sfumature di grigio sconvolge le vite sentimentali delle quattro donne, ciascuna alle prese con nuovi incontri o vecchi rapporti da ravvivare: Diane comincia una relazione con Mitchell; Vivian teme di innamorarsi della vecchia fiamma Arthur; Sharon si iscrive a una chat per appuntamenti; mentre Carol fa di tutto per spingere il marito a ritrovare la passione.

Guarda il trailer:
https://www.youtube.com/watch?v=BknsUBts-gs

uomoL’UOMO CHE COMPRO’ LA LUNA di Paolo Zucca
“Un agente segreto deve risolvere un mistero: qualcuno ha comprato la luna in Sardegna”.

Una coppia di agenti segreti italiani riceve una telefonata concitata dagli Stati Uniti: pare che qualcuno, in Sardegna, sia diventato proprietario della luna. Il che, dal punto di vista degli americani, è inaccettabile, visto che i primi a metterci piede, e a piantarci la bandiera nazionale, sono stati loro. I due agenti reclutano dunque un soldato che, dietro lo pseudonimo di Kevin Pinelli e un marcato accento milanese, nasconde un’identità sarda: si chiama infatti Gavino Zoccheddu e la Sardegna ce l’ha dentro.

Guarda il trailer:
https://www.youtube.com/watch?v=2MxQLFBe98E

educazioneL’EDUCAZIONE DI REY di Santiago Esteves

“Pensato come una serie televisiva, è diventato lungometraggio per il cinema, un film che alterna i toni di un racconto intimista e le atmosfere epiche del western all’audacia del thriller, in cui la suspense gioca un ruolo fondamentale”.

Al centro della storia Reynaldo, alias “el Rey” (il Re), un ragazzo che viene introdotto dal fratello nella Mala di Mendoza. Qualcosa va storto però la notte in cui El Rey è chiamato a far un colpo in un ufficio notarile scatta l’allarme. I suoi due complici vengono catturati da una volante, lui con la refurtiva in tasca riesce a scappare sui tetti. Nella fuga cade in un giardino distruggendo una serra. Il padrone di casa, Vargas, una guardia giurata in pensione, lo ammanetta ma istintivamente gli da riparo. Il mattino seguente, gli propone un accordo: non lo denuncerà alle autorità a cambio che lui ripari ciò che ha rotto in giardino. Gli insegnamenti che Vargas darà al giovane, faranno sbocciare una relazione che rimanda alle antiche leggende sulla formazione che veniva impartita ai sovrani. El Rey impara, si fa ben volere, sembra aver trovato l’equilibrio. Ma questo patto comincia a incrinarsi quando i due compari tornano in libertà su autorizzazione di un “cattivo tenente”: là fuori la Mala ha sete di vendetta.

Guarda il trailer:
https://www.youtube.com/watch?v=sj6_jqa5xzw

Buona visione dalla redazione di Arezzoweb.it.
E ricorda, come afferma Roberto Benigni “Il cinema è composto da due cose: uno schermo e delle sedie. Il segreto sta nel riempirle entrambe”.

RUBRICA A CURA DI ROBERTO FIORINI