Koinè 25 anni, i valori dello studio e del merito

Il pomeriggio del 12 dicembre consegna delle Borse di studio al Teatro Petrarca con il Presidente di Legacoop Toscana, Roberto Negrini

25 anni non sono frutto del caso. La cooperativa sociale Koinè festeggia il quarto di secolo e mette al centro i valori dello studio e del merito. Giovedì 12 dicembre, alle ore 18, verranno consegnate al teatro Petrarca, le Borse di studio destinate alle figlie e ai figli dei soci della cooperativa. Con l’edizione 2019, Koinè ne ha finora consegnato 73 in 10 anni. Alla cerimonia di consegna interverrà Robero Negrini, Presidente di Legacoop Toscana: “25 anni non sono un periodo breve. Tantomeno in questa fase storica. Se Koinè è riuscita ad attraversare un quarto di secolo in costante crescita, vuol dire che è stata capace d’ immaginare e creare un modello d’impresa sociale. E lo ha fatto nella logica che sono le donne e gli uomini a fare le imprese. Merito, quindi, al gruppo dirigente di Koinè e alle persone che vi hanno lavorato in questi anni. Tutti sono stati capaci di avere una visione sociale ed hanno operato per un progetto grande e condiviso”.

Roberto Negrini commenta così i 25 anni della cooperativa sociale Koinè. “I risultati ottenuti sarebbe stati ottimi in qualsiasi periodo ma sono stati raggiunti in un periodo di gravissima crisi economica e sociale che ha registrato il radicale cambiamento sia del mercato che delle regole d’ingaggio. Koinè ha fatto alcune scelte: qualità dei servizi, radicamento territoriale, motivazione e coinvolgimento dei soci. Queste opzioni, praticate ogni giorno, hanno prodotto i risultati quantitativi e qualitativi che oggi consentano a Koinè di festeggiare il suo venticinquesimo compleanno”.

Un “modello” – lo definisce Roberto Negrini – che mette Koinè nella condizione di essere pronta per la terza fase della storia della cooperazione sociale italiana. “La prima è proprio quella iniziata ai primi anni Novanta con la legge che ha creato e disciplinato le cooperative sociali. Allora quest’ultime sono state la risposta all’esternalizzazione dei principali servizi alla persona, decisa dalla pubblica amministrazione. La seconda fase ha visto le cooperative sociali trasformarsi progressivamente in imprese sociali, evidenziando potenzialità e problematicità. La terza fase è quella in corso e vede la cooperazione sociale capace di investimenti, innovazione, creazione di attività. Una fase caratterizzata dall’invecchiamento della popolazione, dall’aumento della domanda sociale, dalla progressiva difficoltà della pubblica amministrazione di dare le risposte necessarie. La sfida è in corso. Koinè sta già rispondendo”.

Roberto Negrini sarà ad Arezzo il 12 dicembre e parteciperà alla consegna delle Borse di studio Koinè, cerimonia che si terrà alle ore 18 al Teatro Petrarca nell’ambito delle iniziative per i 25 anni della cooperativa.

La festa del 25 anni di Koinè, dopo la consegna delle Borse di studio, proseguirà con un buffet preparato da Tuttibuoni, il marchio del settore alimentazione della cooperativa sociale Betadue, con lo spettacolo di Paolo Hendel: “Recital 2019”. Un appuntamento, alle ore 21, riservato, per evidenti ragioni legati al limitato numero di posti, ai soci della cooperativa.