La Croce Bianca cambia sede. Sì del Consiglio al progetto definitivo di viabilità di collegamento tra parcheggio scambiatore e via Buonconte da Montefeltro

La Croce Bianca cambierà sede dopo l’adozione da parte del Consiglio Comunale del piano di recupero che trasformerà l’attuale in un complesso residenziale e commerciale.
“Un intervento – per l’assessore Marco Sacchetti – che s’inserisce nella logica del recupero urbanistico e della riqualificazione di immobili in determinati contesti. L’edificio attuale, scarsamente adattabile alle esigenze moderne, è stato classificato come privo di valore testimoniale e architettonico. La stessa proprietà intende ricollocarsi in altro luogo per esigenze logistiche e di viabilità”.

Il piano di recupero prevede la demolizione del fabbricato esistente e la costruzione di uno nuovo di cinque piani con alla base un grande volume vetrato destinato al commerciale e ulteriori quattro piani rivestiti in lastre di travertino. Due le soluzioni avanzate per i parcheggi: la prima con posti privati nella corte retrostante via dell’Anfiteatro, la seconda con un’autorimessa interrata. Al piano attuativo spetterà la scelta definitiva.
Alessandro Caneschi ha posto la questione di dove sarà la futura sede della Croce Bianca, “istituzione che merita di proseguire la sua meritoria attività. Auspichiamo un percorso trasparente e nel rispetto delle norme. Sul progetto in sé nulla da eccepire”.
Paolo Bertini: “è stato preso in considerazione, a livello progettuale, che sotto è ubicata una strada di epoca romana? Realizzare un parcheggio interrato è dunque una scelta sulla quale ho qualche dubbio”.
“È evidente – ha concluso Marco Sacchetti – che il piano di recupero si concretizzerà dopo l’individuazione dell’area della nuova sede. Interloquendo con le varie amministrazioni, compreso il Comune, la Croce Bianca ha chiesto se ci sono terreni idonei. Se l’individueremo, seguiremo tutte le procedure che le norme prevedono sulle alienazioni e sui bandi pubblici. Una volta che il fabbricato sarà demolito, emergerà anche la presenza o meno di aspetti archeologici da tenere in considerazione”.

Sì del Consiglio Comunale al progetto definitivo di viabilità di collegamento tra parcheggio scambiatore e via Buonconte da Montefeltro e a quello per un nuovo marciapiede a Santa Firmina.

Per quanto riguarda il primo, del costo di 900.000 euro, è collegato alla messa in sicurezza dell’incrocio oggi regolato da un semaforo tra via Pietramala, via Tarlati e via Buonconte da Montefeltro. Tra quest’ultima e l’attuale parcheggio scambiatore il collegamento viario sarà garantito da un nuovo asse viario di 225 metri e da una nuova rotatoria. Il suddetto semaforo invece sarà eliminato così come la svolta in sinistra verso via Buonconte.
Per quanto riguarda Santa Firmina, il marciapiede collegherà l’abitato della frazione al cimitero. Nel corrispondente tratto di carreggiata, a doppio senso di marcia, si tratta della strada comunale che da Santa Firmina porta a Monastero e al Bagnoro, non esistono attualmente percorsi riservati ai pedoni. La spesa prevista è di 80.000 euro. Dimensioni: 140 metri di lunghezza, un metro e mezzo di larghezza.