La Divina Commedia di Dante Alighieri al Castello di Poppi

La Divina Commedia di Dante Alighieri al Castello di Poppi
La Divina Commedia di Dante Alighieri al Castello di Poppi

InArceDantis, Accademia Dantesca per le Arti e lo Spettacolo presso il Castello dei Conti Guidi di Poppi (Ar), assieme al Comune di Poppi e l’Università di Siena, dal 14 al 21 settembre 2019 presentano il  “Convivio Internazionale – Al Castello di Dante: Rinascere con le Arti nella Comedìa”. La rassegna prevede opere spettacoli, attività e conferenze al fine di valorizzare la Divina Commedia di Dante Alighieri e l’identità del Castello di Poppi intesa come “Castello di Dante”, con artisti e studiosi locali, nazionali e internazionali e si colloca nell’ambito delle celebrazioni del 2021 per il 700° dalla morte di Dante, con tre edizioni del festival in tre anni.

La Comedìa di Dante verrà infatti tutta ripercorsa, attraverso conferenze, letture, musica, poesia, narrativa, teatro e arti visive, nell’edizione di questo anno 2019 con il tema – Inferno: Truce Carnevale, nel 2020 con – Purgatorio: Monte del Tempo e nel 2021 con – Paradiso: Incontrare l’Indicibile.

“La prima cantica, a cui si ispira il Convivio di questo anno, è indubbiamente quella in cui la Comedìa è più pienamente “commedia”. Il grandioso crogiolo linguistico, da cui Dante fa emergere una poesia così potentemente nuova, non arretra di fronte al sublime, né di fronte all’orrido o allo sconcio. Il frequente ricorso alle tecniche comico-carnevalesche non solo sul piano nell’espressione, ma anche su quello delle situazioni e della descrizione, rende l’Inferno dantesco – e l’ottavo cerchio in specie – un’inesauribile fonte di sfrenata, a tratti feroce creatività.” Lorenzo Bastida

 

Ecco di seguito il programma, tutto a ingresso libero:

 

Sabato 14 settembre

ore 20.45 Introduzione Convivo – Andrea Matucci, professore associato di Letteratura, Università di Siena.

ore 21.00 Noi che non siam Francesca, Andrea Matucci e Cinzia della Chiana, poetessa, conferenza spettacolo su Inf. V, con testo originale della scrittrice, in cui Dante entra in contraddittorio con i suoi stessi personaggi femminili dell’Inferno.

ore 21.45 The Bones of Dante – Yang Yu poeta, violoncellista e compositore di Sidney, presenta una sua opera poetica accompagnata da immagini e musica originale composta per l’occasione, da lui stesso eseguita, dedicata alle ossa di Dante.

ore 22.00 InfernalmenteInArceDantis, messa in scena a cura di Stefania Maggini del dramma infernale di Francesca (Roberta Soldani), Ulisse (Francesco Santini) e Ugolino (Lenny Graziani) negli endecasillabi dell’ Alighieri re-immaginati in atmosfere coreutiche con rimandi agli aspetti demoniaci della Commedia dell’Arte.

 

 

 

Domenica 15 settembre

Ore 21.00 Dante e l’intelligenza artificiale: esperimenti sulla terzina –  a cura dell’ Università di Siena, con Maria Rita Digilio, Delegata del Rettore a Orientamento e Tutorato e Italianistica, Elisabetta Bartoli, Filologia e Critica delle Letterature Antiche e Moderne e  Andrea Zugarini, Ingegneria dell’Informazione e Scienze Matematiche che illustrano le ‘digital humanities’ in letteratura e come un motore di ricerca sperimentale possa assemblare, partendo da una parola, sequenze versificate simili alle terzine dantesche.

Ore 22.00 Ogne lingua per certo verria menoInf. XXVIII in parole e musica – Lorenzo Bastida, dantista membro della Società Dantesca (Firenze) e Volfango Dami, violoncellista (Pieve a Socana), si calano nella violentissima serietà del comico carnevalesco medievale e nel “cabaret” linguistico di Malebolge alternando esegesi, lettura e interpunzioni musicali.

 

Martedì 17 settembre

Ore 21.00 Dante: Maestro per l’Umanità oltre il Tempo – “Associazione Amici di Dante in Casentino” e “Casentino La Valle dell’Anima” presentano il progetto Il Cammino di Dante in Casentino, itinerario turistico culturale attraverso gli angoli del Casentino citati nella Commedia o in cui si attesta il passaggio del Sommo Poeta.

Ore 22.00: Le tre donne benedette in Inf. II, esegesi e declamazione a cura di Riccardo Starnotti, con interventi e riflessioni sulla contemporaneità della scrittrice Simona Cipriani.

 

Mercoledì 18 settembre

Ore 21.00 Sentieri di Palazzo Gatteschi – presentazione dei due percorsi danteschi della sentieristica di Palazzo Gatteschi: alla scoperta della piana di Campaldino, teatro della battaglia cui presero parte lo stesso Dante e Bonconte da Montefeltro, reso immortale proprio dal Poeta, e del Castello di Romena, sulle tracce del falsario Mastro Adamo.

Ore 22.00  Infernalmente – InArceDantis, messa in scena a cura di Stefania Maggini del dramma infernale di Francesca (Roberta Soldani), Ulisse ( Francesco Santini) e Ugolino ( Lenny Graziani) negli endecasillabi dell’ Alighieri re-immaginati in atmosfere coreutiche con rimandi agli aspetti demoniaci della Commedia dell’Arte.

Giovedì 19 settembre

Ore 21.00 La Divina Commedia al bar – NATA, spettacolo di e con Livio Valenti e Lorenzo Bachini, musicista, quale breve viaggio a ritroso nel tempo per assaporare il capolavoro di Dante Alighieri in tutta la sua attualità, traghettando la Divina Commedia nel presente, oltre generi e convenzioni …davanti al bancone di un bar!

Ore 22.15  InfernalmenteInArceDantis, messa in scena a cura di Stefania Maggini del dramma infernale di Francesca (Roberta Soldani), Ulisse ( Francesco Santini) e Ugolino ( Lenny Graziani) negli endecasillabi dell’ Alighieri re-immaginati in atmosfere coreutiche con rimandi agli aspetti demoniaci della Commedia dell’Arte.

 

 

 

Venerdì 20 settembre

Ore 21.00 Conferenza sugli Illustratori dell’Inferno – Michele Loffredo, Direttore Museo Nazionale d’Arte Medievale e Moderna di Arezzo – da Botticelli a Stradano, da Blake a Dorè, da Dalì a Rauchemberg, i più significativi illustratori del capolavoro dantesco.

Ore 22.00 Infernal TripCattiva Compagnia (Lucca), percorso nel cono infernale di condanne e peccati attraverso l’uso di corpo, voce e musica, in una commistione di sapori medioevali e contemporanei, per incontrare Minosse, Lucifero, Paolo e Francesca, le arpie, Pier delle Vigne, i simoniaci, il ladro Vanni Fucci di Pistoia, l’arcivescovo Ruggieri e Ugolino della Gherardesca.

 

Sabato 21 settembre

Ore 21.00 Inf. XIII Pier delle Vigne -Saulo Lucci (Torino) racconta, mettendo in luce le fonti storico letterarie, le cronache dell’epoca e i pettegolezzi a cui Dante si è ispirato, cantando e suonando dal vivo, pertinenti brani musicali per chitarra, appartenenti al repertorio pop-rock internazionale e italiano.

Ore 22.00 Il Canto di Ulisse dipinto – Giuseppe Fanfani commenta e recita Inf. XXVI alla presenza di due sue opere pittoriche ispirate al canto stesso e provenienti dalla collezione Anime Prave.

 

Inoltre le seguenti opere figurative e testi letterari, corredati di schede descrittive composte dagli autori,

saranno esposte in uno dei ballatoi durante tutta la settimana, negli orari di apertura del Castello:

 

A noi venendo per l’aere maligno di Giorgio Innocenti Ghiaccini (Bibbiena, Ar)

Eterno Carnevale di Elisabetta Spighi (Bagno di Romagna, FC)

Famelica Follia di Brizzi Riccardo (Firenze)

Filippo Argenti di Romano Dini (Laterina, Ar)

Invano concepiti nel buio partoriti di Roberta Kali Agostini (Poppi, Ar)

Perpetua ricorrenza di Angela Maria Tuccinardi (Nord California)

Per ch’io il su arso lasciai di Lina Giorgi (Poppi, Ar)

 

Il libro dell’Inferno illustrato da George Cochrane (New York)

Ritorno all’Inferno con Dante di Leonardo Zanelli (Arezzo)

 

Per maggiori informazioni:

0039 0575 502230

0039 3484741050 (anche su What’sUp)