Ladri di biciclette al Cinema Eden e il neorealismo torna protagonista

Ladri di biciclette
Ladri di biciclette

Penultimo appuntamento della rassegna Il Cinema Ritrovato a cura di Officine della Cultura

Mercoledì 6 febbraio, con inizio alle ore 21:00, proiezione al Cinema Eden di “Ladri di biciclette” di Vittorio De Sica. Il penultimo appuntamento della rassegna Il Cinema Ritrovato a cura di Officine della Cultura riporta dunque sul grande schermo un capolavoro italiano del neorealismo, vincitore, tra l’altro, del Premio Oscar Onorario come Miglior Film Straniero nel 1950.

Com’è noto l’importanza e la bellezza di “Ladri di biciclette” non fu riconosciuta immediatamente in Italia anche se ebbe immediato successo nei Paesi stranieri in cui fu distribuito, in particolare in Francia. Famosa l’opzione di coinvolgere nel cast persone comuni scelte, come nel caso del protagonista Antonio Ricci, interpretato da Lamberto Maggiorani, per dei particolari, in questo caso la camminata.

La storia è ambientata nella Roma del dopoguerra, quando gli uomini si ritrovano in piazza così da essere selezionati per un lavoro. Le disavventure di Antonio cominciano nel momento in cui, dopo aver occupato un posto vacante come attacchino ed aver riscattato la propria bicicletta, questa gli viene rubata da un malvivente di fronte all’indifferenza delle persone che non tentano di aiutarlo. Prossimo al licenziamento, Antonio cerca in tutti i modi di rientrarne in possesso dovendosi arrangiare da solo seguito a ruota dal figlio, in quanto anche le autorità si dimostrano inefficienti. Indifferenza, ingenuità si alternano a scene di dolcezza e compassione. «Rintracciare il drammatico nelle situazioni quotidiane, il meraviglioso nella piccola cronaca», ecco come lo stesso De Sica spiega il significato più profondo del suo capolavoro.

Informazioni: Officine della Cultura, via Trasimeno 16, tel. 0575 27961; Cinema Eden, via Guadagnoli 2, tel. 0575 353364.