L’Amore capovolto un romanzo di Corrado Fortuna

266
Corrado Fortuna -
Corrado Fortuna - "L'amore capovolto"

RECENSIONE A CURA DI ROBERTO FIORINI

LIBRI per TUTTE le ORECCHIE
Paesaggi Letterari settimanali

Quando inizi a leggere un romanzo e fin dalle prima pagine rimani affascinato dalla straordinaria capacità narrativa dell’autore che riesce a costruire e gestire una storia complessa e articolata con parole che corrono veloci e armoniose, percepisci allora il dono di aver intrapreso un viaggio magico che Ti farà tornare a casa diverso da come sei partito.

Le frasi scivolano via una dopo l’altra, pagina dopo pagina.


Le parentesi liriche, tutte efficaci, delicate e poste al momento giusto, sono capaci di trasmettere una sensazione bellissima, poetica.

Una capacità fantastica di raccontare.

Lo scrittore Corrado Fortuna
Lo scrittore Corrado Fortuna

Corrado Fortuna, attore di talento (My name is Tanino, Baarìa e molti altri), regista e scrittore, è certamente un esempio di come si possano coltivare diversi talenti ottenendo sempre e comunque straordinari risultati in ognuno dei campi sperimentati.

L'amore Capovolto un romanzo di Corrado FortunaDopo la felice avventura di Un giorno sarai un posto bellissimo, l’artista siciliano è tornato in libreria con un romanzo dal titolo davvero suggestivo, L’amore capovolto edito da Rizzoli.

Anni novanta e anni quaranta.

Un universitario e un partigiano.

Un centro sociale e una radio clandestina.

Due epoche lontane, eppure in qualche modo vicine.

Due storie differenti destinate a incontrarsi, a conoscersi e a confrontarsi.

L’amore capovolto racconta la storia di Giacomo e Marta.

Due giovani ragazzi che, una volta diplomati, decidono di partire dalla Basilicata per spostarsi a Firenze, dove frequentano l’università.

Si trovano così catapultati in una città vivace e multiforme, ben diversa dalla realtà del tranquillo paesino a cui erano abituati.

Il passaggio dalla dimensione intima e familiare del piccolo borgo lucano a quella del capoluogo toscano non è facile, ma ben presto i due ragazzi cominciano ad immergersi nella vitalità della città toscana.

Tutto sembra procedere tranquillamente, tra studio, concerti e nuove amicizie.

Un vero e proprio passaggio all’età adulta, quello dei due giovani protagonisti, i quali per la prima volta si trovano a fare i conti con le responsabilità della maturità.

Fino a quando un evento inaspettato non fa cadere la fiducia che Giacomo riponeva in Marta.

Che cosa fare quando tutto attorno crolla?

Giacomo trascorre giornate chiuso nel suo dolore.

Fino a che, impegnato di un lavoro di ripulitura di una soffitta, non trova un pacco di lettere che arrivano dal passato.

Spinto dalla curiosità decide di cominciare a leggere il contenuto delle lettere, incontrando così la storia di Adele e Tino.

La corrispondenza infatti appartiene ad una ragazza fiorentina, Adele, e indirizzata a Tino, un giovane partito per il fronte a seguito della Seconda Guerra Mondiale.

Lo scambio epistolare racconta di un amore che ha conosciuto altri tempi ed altri spazi, altri ostacoli ed altre difficoltà e che proprio per questo offre a Giacomo un’altra prospettiva, una altro punto di osservazione dal quale guardare alla sua storia appena conclusa con Marta.

Con una scrittura coinvolgente e poetica, Corrado Fortuna riesce ad alternare le due storie – quella di Giacomo e Marta, e di Adele e Tino – senza mai perdere di vista la precisione narrativa.

Procedendo con estremo realismo, ci racconta dell’amore a vent’anni, di quando i sogni sembrano a portata di mano, pronti per essere colti.

L’ardore con cui ci si apre ad un sentimento nuovo, la passione e il desiderio di tenersi per mano, per percorrere assieme la strada della vita.

Sentimenti che vengono messi in primo piano, mentre sullo sfondo imperversa la tempesta della Storia con la S maiuscola.

Da scrittore di talento qual è, Corrado Fortuna chiude il romanzo con un colpo di scena finemente architettato, elevando il caso a destino, e chiudendo il cerchio sulla storia del protagonista.

Finale che chiaramente non racconterò.

La dolcezza struggente che si respira durante tutto il libro è uno dei punti di forza del romanzo, e regala pagine affascinanti e appassionanti, da leggere tutto d’un fiato.

Assoluta precisione di scrittura e di pensiero.

L’amore capovolto è anche un romanzo storico.

Racconta in modo leggero ma dettagliato gli anni della Resistenza, delle radio clandestine, delle staffette e dalla strada verso la democrazia italiana.

Abbandonare la lettura è impossibile.

I due racconti finiscono inevitabilmente per trattenere il lettore, pagina dopo pagina, facendolo sospirare, sorridere e piangere.

Credo che un libro sia un bel libro quando si fa divorare.

Un libro è un bel libro quando lascia un segno indelebile nel lettore.

L’amore capovolto è un bellissimo libro, senza dubbio alcuno perché si fa divorare e lascia un segno indelebile nel cuore del lettore.

Un romanzo che partendo da un sentimento privato di sconfitta e delusione, mostra come il dolore e la speranza di due giovani sconosciuti che hanno affrontato la guerra possa rivoluzionare la vita.

Due storie d’amore, due periodi storici molto diversi.

Da una parte i centri sociali, dall’altra, l’antifascismo.

Un romanzo tenero, malinconico.

Una storia unica, emozionante, fatta di sentimenti intensi che vanno al di là del tempo e dello spazio, quello che lega le persone in eterno, il senso e il valore dei sentimenti piu’ profondi e intimi.

E’ leggendo la storia di Adele e Tino, cogliendo l’amore che legava i due giovani, calpestando la stessa terra su cui molti hanno vissuto il dolore e la perdita a causa della guerra, che Giacomo ritrova il senso della sua esistenza.

Stesso amore, anche se distante nel tempo, stesse paure, sempre guerra ma con due scenari diversi, la Seconda Guerra Mondiale e quella in Bosnia.

Questi sono i fattori che accomunano Giacomo e i suoi problemi di cuore e di politica con quelli di Adele e Tino.

Cosa li differenzia?

L’urgenza di vivere ogni istante, la concretezza della perdita, della vita, il bisogno di far correre tutto alla velocità della luce, il sentimento della libertà.

Giacomo cresce grazie a questi due amici lontani nel tempo.

Comprende quali sono i veri motivi per i quali vale la pena lottare.

Corrado Fortuna da vita ad una storia travolgente, a volte pure aspra, sempre caratterizzata da una schietta e sincera narrazione, capace di un approfondimento psicologico dei personaggi davvero efficace che rende tutti i protagonisti realistici.

Un romanzo da amare intimamente.