Maltempo, Protezione Civile: “famiglie evacuate per frane in Valdarno. Fiumi ok”

Il maltempo continua a far paura, anche se oggi la situazione, rispetto a quanto accaduto ieri è decisamente migliorata. Ecco l’aggiornamento relativo all’Aretino fornito dalla Protezione Civile Regionale: “ad Arezzo non si sono registrate criticità significative sui corsi d’acqua. Ci sono segnalazioni di famiglie evacuate a causa di abitazioni interessate da frane e smottamenti nei comuni di Loro Ciuffenna e Laterina-Pergine Valdarno.

Si conferma inoltre il corretto funzionamento degli invasi di La Penna e Levane che, in attuazione delle normative vigenti, hanno rilasciato soltanto l’acqua in ingresso ai due invasi con un comportamento che i tecnici definiscono “corretto”.

Anche il Comune di Bibbiena, ha diffuso una nota sulla situazione. Il Casentino è stato tra le zone più colpite.

“Il codice arancione è passato, abbiamo qualche strascico da gestire come manutenzioni- qualche pianta caduta, residui da pulire –  ma fortunatamente i problemi non sono stati rilevanti”. Questo il commento e un po’ il sospiro di sollievo del Sindaco di Bibbiena Filippo Vagnoli che, dopo l’ondata di maltempo che ha colpito anche il Casentino e Bibbiena, non deve fare una vera e propria conta dei danni, ma solo un resoconto di ciò che è accaduto oltre che far capire come si muove la macchina dei soccorsi e dei controlli in casi di maltempo prolungato.
Vagnoli e il Vice Sindaco Matteo Caporali fanno sapere che: “Abbiamo avuto qualche problema alla strada di accesso di Marciano per un piccolo smottamento che, tuttavia, non ha causato grossi problemi alla viabilità che è stata completamente ripristinata. Anche l’esondazione dell’Arno avvenuta all’altezza di Bacano è stata costantemente monitorata e non ci sono stati danni. Ovviamente già questa mattina gli operai dell’ufficio manutenzione si sono concentrati in varie situazioni per molte delle quali, nelle prossime settimane, sarà necessario rafforzare e allargare gli interventi. Nonostante questo la macchina della protezione civile comunale – che ha visto costantemente impegnati su vari livelli e sempre in contatto noi come amministratori, manutenzione, lavori pubblici, polizia municipale – ha funzionato alla perfezione. Durante la notte appena trascorsa e quella prima sono stati tenuti sotto stretto controllo i fiumi e i luoghi più sensibili del territorio. Non c’è stato bisogno di attivare il Coc, centro comunale di protezione civile perché comunque l’emergenza non ha portato a situazioni di gravità assoluta ma eravamo prontissimi per farlo anche a livello di passaggio di informazioni su tutti i livelli di intervento, aspetto la cui importanza abbiamo potuto testare proprio in questi giorni. Un ringraziamento sentito va a tutti i dirigenti dei settori comunali coinvolti che hanno dimostrato grande preparazione anche sul fronte della protezione civile”.