Natale, la folla regge. Tanti camper e strutture ricettive full

Tanti, tantissimi camper. Coppie, famiglie con bambini piccoli. Zona di provenienza: centro sud Italia, soprattutto Lazio.

E’ questo l’identikit del visitatore che sceglie Arezzo come metà del turismo natalizio, e lo ha fatto anche in questo weekend dell’Immacolata. Molti sono quindi arrivati in città con le casette mobili, riempiendo i parcheggi, soprattutto lo Scambiatore, ma tanti hanno scelto anche di pernottare nelle strutture ricettive, full perlomeno quelle nel comune di Arezzo.

L’apertura del secondo livello del Baldaccio ha ottenuto gli effetti desiderati. Il parcheggio, di solito poco frequentato, è stato scelto da molti. Da lì le navette gratuite, alle 10 – 12 – 17 – 19, fino a Guido Monaco, avanti e indietro. Oggi chiuse al traffico via Roma e via Crispi.

Guido Monaco dove è stato acceso il grande albero con i colori e gli stemmi della Giostra del Saracino, con ai piedi il presepe.

Quindi via a spasso per la Città del Natale. I mercatini di piazza San Jacopo e Piazza Risorgimento, il villaggio Tirolese e la Casa di Babbo Natale in piazza Grande, le attrazioni del prato: torre alta 40 metri, pista e scivolo di ghiaccio oltre al planetario. E a far da guida ai turisti, seguendo un pò la scia delle città più grandi, le insegne luminose con i nomi delle strade laterali al Corso.

Folla anche sotto ai Portici di via Roma per Tartufi d’Etruria e nel Chiostro della Biblioteca con le degustazioni e le dimostrazioni degli artigiani.