Piazzetta Giorgio Gaber, le parole di Andrea Scanzi