Raffica di furti sulle auto, turisti tormentati e abitanti in allarme. Arrivano le telecamere

telecamere sicurezza
telecamere sicurezza

Furti in auto, Comune dice stop.
Presto le telecamere nel parcheggio dello Spirito Santo

Una serie di furti compiuti ai danni di alcune autovetture, soprattutto di turisti stranieri, posteggiate nel parcheggio dello Spirito Santo, in prossimità delle scale mobili, ha creato allarme fra gli abitanti di Cortona, alimentando preoccupazione e insicurezza per il loro ripetersi. L’ultimo episodio è accaduto pochi giorni fa.

“La dinamica dei furti farebbe pensare ad atti non occasionali, quanto piuttosto a una strategia definita, mirata a scoraggiare la presenza turistica nel territorio” si legge in una nota del Comune della Valdichiana che prosegue: “per contrastare questo fenomeno, il Comune di Cortona ha predisposto una serie di controlli quotidiani attraverso il personale della polizia municipale. Oltre all’impiego del personale in servizio, il Comune è in attesa della disponibilità delle nuove telecamere di videosorveglianza che saranno utilizzate per monitorare l’intera zona: un’area che rappresenta una delle principali porte di accesso al centro storico cortonese.

Il problema è molto avvertito dall’amministrazione comunale e il sindaco Luciano Meoni ha evidenziato le iniziative in via di sviluppo, non senza ringraziare gli stessi carabinieri per l’attività di controllo che stanno svolgendo.
Il comune sottolinea, dunque, l’esigenza di adottare un sistema integrato di videosorveglianza e, al tempo stesso, condanna coloro che si rendono responsabili di atti vili che colpiscono l’immagine stessa della città”.

“Speriamo – dichiara il sindaco Luciano Meoni – che gli autori dei furti siano individuati entro breve tempo. Altri colpi sono stati compiuti, con le stesse modalità, nella zona del vecchio mercato e questo ci obbliga a mettere in pratica ogni forma di controllo. Siamo convinti che la regia di questi atti delinquenziali sia la stessa e che l’installazione dei nuovi impianti di videosorveglianza possa aiutare ad arginare questo fenomeno”.