Salute, Acli Toscana: “Anche la qualità della salute toscana è divisa in due”

Giacomo Martelli
Giacomo Martelli

“E’ una ovvietà ma ricordarcela e soprattutto ricordarla a chi ci governa è sempre utile: laddove c’è meno crescita e meno lavoro si vive peggio e si muore prima” così Giacomo Martelli, presidente delle Acli Toscana commenta la classifica sulla qualità della salute in fatta dal centro studi del Sole 24 Ore (http://24o.it/indice-salute).

“Osservando i dati forniti dalla ricerca – spiega Martelli – infatti notiamo che agli ultimi posti di questa classifica nazionale abbiamo tre realtà toscane, la di , quella di Massa Carrara e quella di Livorno, che sono anche quelle che fanno registrare i tassi di disoccupazione più alti della Toscana. E’ evidente che quando non c’è crescita il conto lo paghiamo non solo in termini economici ma anche socio-. Il che dovrebbe spingere i nostri politici e le nostre istituzioni a intervenire in maniera più stringente soprattutto in quelle aree della nostra regione che più di altre hanno pagato e stanno pagando la economica”.

“Non va dimenticato che la ricerca del Soleche per altro conferma quanto già emerso dallo realizzato per Acli Toscana da Iref “Il modello toscano alla prova della crisi”, – puntualizza Martelli – mette in correlazione aspetti fondamentali per misurare lo stato di salute delle singole province:dall’incremento della speranza di vita alla nascita, alla mortalità annua per tumore e per infarto, dal consumo di all’emigrazione ospedaliera e alla disponibilità di posti letto e di medici. E misurando questi indici si nota che c’è una Toscana divisa in due: metà sopra la media nazionale, l’altra sotto. Infatti se abbiamo in testa, uno dei pochi capoluoghi regionali nella topten nazionale, e Pisa, Prato tra le prime 20, 30esima e 47esima, poi si crolla al 75esimo posto di Pistoia, all’83esimo di Lucca. E chiudiamo negli ultimi posti nazionali, appunto, con Grosseto (97esima), Massa Carrara (101esima) e Livorno (102esima). In queste nostre province si vive 1 anno in meno che nella provincia di Firenze o di Prato, guarda caso le realtà economiche e occupazionali più dinamiche della Toscana”.

“Questi numeri – conclude Martelli. – fotografano meglio di qualsiasi parola quello che affermiamo, purtroppo non sempre ascoltati, da tempo, e che cioè la prima preoccupazione della anche nella nostra Toscana deve essere la crescita e la creazione di posti di lavoro con interventi specifici e mirati sulla Costa, pensiamo solo alle opere pubbliche ferme da anni e anni, dove la situazione, già arretrata rispetto al centro della Toscana, sta peggiorando”.