Simula il furto dell’auto per far incolpare la compagna del padre defunto

Auto - parcheggio

I Carabinieri della Compagnia di Sansepolcro hanno denunciato per simulazione di reato un 25enne biturgense che pur consapevole che il fatto reato non era stato commesso sporgeva denuncia presso l’Arma del capoluogo aretino per il furto dell’autovettura intestata al genitore scomparso e ciò con il solo fine di fare incolpare la compagna del padre deceduto.

I successivi accertamenti hanno permesso di arrivare all’esistenza di un testamento olografo nel quale, tra l’altro, il defunto aveva espresso la volontà che il veicolo fosse ereditato dalla convivente.

Per questo il 25enne è finito nei guai.