Una musica che suona familiare, donati i Cd del progetto Cikibom

L’iniziativa è della Conferenza dei sindaci del Valdarno. Stamani la cerimonia di consegna alla Gruccia

Una “sintonizzazione emotiva” tra genitori e figli, per creare un legame più forte, sviluppare il dialogo e la comunicazione. Questo è l’obiettivo dei 500 CD donati questa mattina dalla Conferenza dei sindaci del Valdarno al Punto Nascita della Gruccia il quale, attraverso il Consultorio, li consegnerà alle famiglie dei nuovi nati.

Si chiama “Progetto Cikibom”, è il frutto del lavoro di un gruppo di musicisti e di un pediatra ed è stato realizzato con il sostegno del Centro per la Salute del Bambino. Il progetto fa parte dei programmi “Nati per la Musica” e “Nati per Leggere”. In particolare, “Nati per la Musica” promuove l’esperienza musicale in famiglia come strumento di relazione, già durante la gravidanza, per uno sviluppo migliore del bambino nei primi anni di vita.

Il CD donato contiene 17 tracce musicali con vocalizzi, che possono essere utilizzate da tutte le famiglie, indipendentemente dalla lingua e dalla etnia. Le ricerche scientifiche dimostrano che le esperienze nei primi anni di vita sono fondamentali per un ottimale sviluppo complessivo delle bambine e dei bambini. Dal punto di vista cognitivo, la musica aiuta il bambino a sviluppare proprie capacità di ascolto e osservazione, ad accrescere immaginazione e creatività, ad aumentare le capacità di concentrazione e attenzione e ad esercitare la memoria. A livello relazionale, ascoltare e fare musica in famiglia, giocando con la voce, con gli oggetti quotidiani che producono suoni, cantare filastrocche e inventarne di nuove, rafforza il legame affettivo tra adulto e bambino ed è fonte di benessere. Il ruolo dei genitori è cruciale nel percorso di avvicinamento e scoperta della musica e dei suoni.

“Questa donazione conferma la forte alleanza tra i professionisti del Punto Nascita della Gruccia, le associazioni delle mamme e la comunità tutta del Valdarno – ha commentato il direttore dell’ospedale Simona Dei – Si sottolinea inoltre il valore dei servizi offerti alle famiglie, garantendo professionalità ma anche umanità. Tutto questo è fondamentale per il prossimo riconoscimento di “Ospedale amico dei bambini” di UNICEF e conferma la volontà della Asl di lavorare per il bene della comunità”.

“Il Cikibom è un ausilio per fare musica in famiglia secondo il progetto Nati per la Musica – ha spiegato Luca Tafi, direttore della Pediatria – Perché la musica, dalla gravidanza in poi, è uno dei mezzi a nostra disposizione, insieme alla lettura ad alta voce, capace di migliorare le capacità cognitive dei bambini. Con questo progetto, che coinvolgerà anche il maestro Orio Odori, ci prefiggiamo di migliorare la nostra offerta di “salute” ai bambini da quando sono ancora nel grembo materno fino al compimento dei 1000 giorni di vita, periodo che, come è ben noto, è fondamentale per lo sviluppo psicomotorio di ogni bambino”.

“Come Conferenza dei Sindaci – ha commentato il presidente Sergio Chienni – abbiamo sostenuto con entusiasmo l’iniziativa Nati per la Musica che ci ha presentato il dottor Tafi assieme al suo staff. La donazione dei Cd è un gesto simbolico, e allo stesso tempo concreto, di attenzione ai più piccoli perché può essere uno degli elementi di sviluppo della relazione tra genitori e figli. Questa iniziativa impreziosisce il percorso intrapreso verso il riconoscimento di “Ospedale amico dei bambini” di UNICEF”.