“Arezzo Youth Festival Contest”: disegni, testi e video per raccontare le emozioni. Ghinelli: “Progetto lanciato per stimolare ed incentivare la creatività dei ragazzi. Una straordinaria sorpresa, la loro risposta e la loro sensibilità”

“L’emergenza sanitaria ha impedito, almeno per quest’anno, di concretizzare il progetto nato dall’idea della Presidente di WEL Foundation Marjorie Layden e del giovane violinista Giovanni Andrea Zanon, talento straordinario e di grande successo, di un festival dedicato ai giovani e al loro approccio alla musica classica. Proprio però il lungo e faticoso periodo di lockdown ci ha convinto comunque ad anticipare l’idea dando vita ad un concorso destinato agli studenti delle nostre scuole il cui obiettivo fosse quello di stimolare ed incentivare la loro creatività attraverso l’ascolto della musica classica, e di farlo in un momento difficile, di solitudine, distacco e lontananza, sofferto da noi tutti, ma senz’altro in modo più particolare dai più giovani. E il risultato è stato davvero significativo: tanti i lavori realizzati, disegni, testi, e video, attraverso i quali i nostri ragazzi hanno raccontato le loro emozioni all’ascolto della musica. E non è stato facile trarne una classifica. Festeggeremo il loro impegno e la loro partecipazione nella Giornata Internazionale della Musica, nessuna altra data poteva essere migliore”.

Il Sindaco Alessandro Ghinelli anticipa così l’evento di premiazione dell’“Arezzo Youth Festival Contest”, che si svolgerà domenica 21 giugno, alle ore 19.00 in Piazza San Domenico. “Tenevamo a far passare un doppio messaggio, quello in base al quale la musica può rappresentare, in un tempo di grande tristezza, uno stimolo a far forza sul pensiero e sulla sensibilità. Allo stesso tempo, riconoscere alla scuola il merito di saper guardare oltre le difficoltà contingenti”, spiega l’Assessore Lucia Tanti.

Gli studenti delle scuole primarie e secondarie di primo grado si sono confrontati con tre brani proposti e spiegati loro dai tutorial di Giovanni Andrea Zanon, la “Primavera” di Antonio Vivaldi, la “Sinfonia nr. 40 primo tempo” di Wolfgang Amadeus Mozart, “Clair de lune” di Claude Debussy. Tre le espressioni artistiche ammesse, il disegno, l’elaborato scritto, il prodotto multimediale. La Giuria del concorso, presieduta dal Sindaco Alessandro Ghinelli e composta da Tiziana Nocentini (Ufficio Scolastico Provinciale), Luca Caneschi (direttore di Teletruria), Giovanni Andrea Zanon, ha formato la classifica scegliendo tra circa 150 lavori realizzati dagli alunni delle scuole primarie “I.C. Piero della Francesca Anna Frank Indicatore”, “I.C F. Severi Antonio Curina”, “IC F. Severi Don Ferruccio Bigi Rigutino”, “IC F. Severi Angelo Tavanti Policiano”, “Sante Tani”, “Masaccio”, e delle secondarie di primo grado “Convitto Nazionale Vittorio Emanuele II”, “Francesco Severi”, “Cesalpino”, “IV Novembre”, “Giorgio Vasari”.

“Ultimamente sto partecipando a molti progetti che coinvolgono i giovani e sono sempre più convinto che la distanza tra il mondo della musica classica e il mondo dei ragazzi non sia dovuta ad una mancanza di interesse ma ad un errato modo di proporla loro. La modalità di questo concorso e la risposta che abbiamo avuto mi convince che siamo sulla strada giusta. La mia sfida nei confronti dei miei coetanei ma anche dei giovanissimi è quella di incentivare la loro creatività e di far scoprire un mondo che io ritengo meraviglioso”, commenta Giovanni Andrea Zanon, ideatore del progetto del Festival.

“Uno degli obiettivi della Fondazione WEL è quello di formare i giovani ai valori di una leadership etica, sostenibile e responsabile, alla base della quale stanno senz’altro l’armonia, la bellezza e il rigore, che la musica incarna appieno”, dichiara la Presidente di WEL Foundation Marjorie Layden, “Sono felice di aver dato il mio contributo ad un progetto come questo per i giovani della ‘Città della Musica’ che si sono dimostrati consapevoli dell’eredità preziosa di cui sono i destinatari. E’ stato un privilegio essere parte di questo progetto per la cui futura affermazione stiamo lavorando insieme a Giovanni Zanon, con l’obiettivo di realizzare un festival di musica classica destinato ai giovani. La musica è una mia grande passione, che desidero continuare a coltivare in questa bellissima città alla quale sono particolarmente legata”.

“Si tratta di una importante iniziativa nata dalla collaborazione tra enti e istituzioni, dalla voglia di fare dei ragazzi e delle famiglie”, afferma Roberto Curtolo, Dirigente dell’Ufficio Scolastico Provinciale. “In questo particolare momento la musica è stata più che mai elemento di evasione, che ha portato i nostri studenti ad immaginare ed esprimere ciò che sentono. I ragazzi dai 10 ai 15 anni si sono impegnati ed hanno saputo produrre disegni, video, poesie, testi e musica veramente stupendi. Grazie a studenti, scuole, docenti, famiglie per l’impegno”.

I nomi dei vincitori del concorso, i primi tre classificati per le sezioni “disegno”, “elaborato”, “video” rispettivamente per le scuole primarie e le scuole secondarie di primo grado, saranno resi noti domenica.

“La normativa anti-Covid che regola gli eventi in presenza non ci consente di ospitare in piazza tutti i ragazzi che hanno partecipato, e con essi le loro famiglie e i loro insegnanti, ma a tutti i giovani ‘artisti’ andrà la maglietta ‘simbolo’ del concorso. Desidero ringraziare tutti coloro che hanno reso possibile questa iniziativa ispirata all’arte, alla bellezza e all’armonia, quantomai necessari alla nostra ripartenza”, conclude il Sindaco Alessandro Ghinelli.

L’Arezzo Youth Festival Contest è organizzato da Comune di Arezzo, Ufficio Scolastico Provinciale, WEL Foundation, con la collaborazione della Fondazione Guido d’Arezzo e di Teletruria, che  trasmetterà nel proprio canale la cerimonia di premiazione lunedì 22 giugno alle ore 22.00.