Arriva domenica a Montevarchi il campionato toscano di motocross

Una ventina i piloti del Brilli Peri in gara, le “star” nella 125 e nel minicross

Si avvia verso la presenza di ben 180 piloti il quarto round del campionato toscano di motocross che domenica 11 ottobre, al circuito Miravalle, chiuderà la stagione 2020 del Moto Club Brilli Peri.

Una stagione non facile per tutti gli sport ma che il moto club di Montevarchi, con grande caparbietà e passione, si sta impegnando a condurre in porto.

Oltre ai temi di carattere sportivo, emergono due aspetti importanti, sempre legati all’emergenza-covid: il pubblico potrà accedere all’impianto e quindi assistere alla gara, e tutti, anche all’aperto (nel rispetto delle ultime disposizioni del Governo), dovranno indossare la mascherina protettiva.

Un disagio trascurabile rispetto al piacere di poter gustare una competizione che si preannuncia molto spettacolare e combattuta, adottando, per di più, un atteggiamento responsabile.

Il “toscano” si articola infatti su sei prove e dunque dal confronto di Montevarchi potrebbero uscire responsi significativi per l’assegnazione dei titoli.

In pista scenderanno le classi 125, MX1 e MX2 (esclusa le categorie Fast ed Elite), i giovanissimi del minicross, i “senatori” delle formule Veteran e anche le moto d’epoca. Il programma sarà concentrato nella giornata di domenica e proporrà, in sequenza serrata, prove libere e di qualificazione e infine la serie delle manche.

Come è ormai consuetudine, oltre a rivestire il ruolo di organizzatore, il Brilli Peri schiererà uno squadrone che, al momento in cui scriviamo, nelle varie classi e categorie sfiora le venti unità.

Molta attesa circonda la prova dei “ragazzi” della 125 Junior, Senio Crocini, Filippo Falsetti, Sacha Tiossi, Andrea Cipriani e Duccio Vigni, tutti molto cresciuti tecnicamente durante il 2020, con gli ultimi due messisi veramente in luce anche a livello nazionale.

Ma l’attenzione maggiore si concentra su due giovanissimi, Tommaso Pretto e Gabriele Napolitano, piazzati in zona-podio rispettivamente nei Cadetti e nella Junior minicross e dunque in predicato di inserirsi nella lotta per la vittoria sulla pista di casa.