Assegno per il nucleo familiare: al via il rinnovo. Inas-Cisl: “Il patronato a disposizione per aiutarvi nell’invio all’Inps”

Dal 1° luglio i dipendenti privati devono fare domanda per il rinnovo dell’assegno al nucleo familiare, se hanno già presentato la dichiarazione dei redditi. E per non avere pensieri è possibile rivolgersi agli esperti del patronato Inas-Cisl per l’invio online.

L’assegno al nucleo familiare non si può più chiedere tramite il datore di lavoro: dev’essere il lavoratore a presentare la domanda direttamente all’Inps attraverso i canali telematici.

“E non compilare correttamente la domanda  può far perdere l’assegno” avverte Marco Manfredini, responsabile Inas-Cisl della Toscana. “Per questo, per evitare che l’Inps respinga la richiesta e ottenere l’importo a cui si ha effettivamente diritto, è meglio affidarsi a chi, come noi, conosce bene le norme ed è in grado di districarsi nel gergo e nelle procedure a volte ostiche della burocrazia pubblica.”

Gli operatori del patronato si occuperanno della compilazione e dell’invio e potranno valutare se si ha diritto anche ad altre formule di supporto per la famiglia. Un servizio che la Cisl mette a diposizione gratuitamente dei propri iscritti.

Appena presentata la dichiarazione dei redditi conviene rivolgersi al patronato per poter chiedere il rinnovo dell’assegno al nucleo familiare (che consentirà eventualmente anche il recupero del mese di luglio).

Per conoscere la sede Inas più vicina e la documentazione necessaria è possibile consultare il sito www.inas.it oppure rivolgersi ai delegati sindacali Cisl sui luoghi di lavoro.