Bibbiena, il Sindaco Vagnoli scrive a Regione e Asl per una campagna di tamponi per chi rientra a lavoro

L’inizio della fase 2 è vicino ed il Sindaco di Bibbiena Filippo Vagnoli entra nel merito della tutela della salute di coloro che dovranno rientrare nelle aziende del territorio. Per questo motivo e anche in veste di Presidente dell’articolazione zonale della sanità, ha lanciato una proposta a Regione Toscana e Asl per procedere ad una campagna di tamponi anche attraverso l’utilizzo di istituti privati della zona.

In attesa di una risposta di Regione Asl Vagnoli commenta: “Poter fare i test a tutti i dipendenti e ai titolari delle aziende che sono aperte e che riapriranno a breve, ci permetterebbe di avere un quadro completo della popolazione che si muove dalla propria abitazione e che entra in contatto con altri soggetti. Credo che sarebbe una buona strategia per proteggere, come dire, i risultati ottenuti fino ad oggi nella nostra vallata grazie ad un lavoro importante fatto in team da istituzioni, igiene pubblica e forze dell’ordine”.

Il primo cittadino di Bibbiena propone una soluzione per accelerare l’operazione agevolando anche il lavoro della Asl: “Mi sono confrontato con almeno due istituti privati locali che sarebbero in grado di effettuare questi test ad un prezzo contenuto. Inoltre, come Comune di Bibbiena, potrei farmi carico di una parte del costo almeno per la aziende più piccole e le famiglie più fragili. Ovviamente per fare tutto questo è necessaria l’approvazione di Asl e Regione e per questo ho scritto all’Assessore Stefania Saccardi e ai vertici Asl. La speranza è quella di poter avere una risposta a breve così da poter andare verso questa soluzione che mi sembra l’unica per poterci prendere cura in modo adeguato della salute di tutti, agevolando al tempo stesso coloro che rientreranno o sono rientrati al lavoro”.