“Il Direttore D’Urso ci ha rassicurato sull’operatività dell’ospedale San Donato. Terminata l’emergenza Covid tutte le prestazioni e i servizi, trasferiti adesso in altre strutture, torneranno all’ospedale di Arezzo”

medico malati ospedale virus

Durante un incontro, in video-call, il Segretario Comunale della Lega Arezzo, Alessandro Casi, il Consigliere regionale, Marco Casucci, ed il referente politico per la provincia di Arezzo del commissario Nazionale, stamani hanno portato a conoscenza il Direttore generale dell’Asl Toscana Sud Est, Antonio D’Urso, delle preoccupazioni della cittadinanza di Arezzo per vari servizi e prestazioni che dall’ospedale San Donato, trasformato in centro Covid, sono state momentaneamente trasferite in altre strutture della città e della provincia.

Gli esponenti della Lega hanno espresso condivisione per l’aver individuato l’ospedale aretino in struttura Covid, decisione che ha contribuito a scongiurare l’esplosione dei contagi ad Arezzo soprattutto in ottica di anticipazione dell’emergenza e nell’eventualità di essere già pronti allo stato pandemico. Il Direttore D’Urso ha rassicurato che verrà mantenuta l’operatività dell’ospedale San Donato: una volta terminata l’emergenza, i servizi torneranno in capo all’ospedale e, addirittura, è stato annunciato che verranno rafforzati. Il percorso di decentramento dei servizi verso altre strutture è stato dovuto esclusivamente all’emergenza che abbiamo vissuto e che stiamo ancora vivendo. Proprio su questa tema è stato ribadito più volte che non c’è nessuna intenzione di voler decentrare l’operatività in altre strutture nè ora nè in futuro. In termini di cronoprogramma di rientro alla “normalità” dell’operatività della struttura del San Donato ancora non ci è stata data una risposta definitiva. Per questo motivo continueremo a monitorare la situazione per far fronte alla giusta richiesta di un servizio efficente per i cittadini del nostro comune.

Altro punto importante affrontato nella videoconferenza è stato quello della difficoltà nella prenotazione delle prestazioni ospedaliere a seguito della situazione emergenziale, da lunedì prossimo riapriranno i canali con le farmacie per le prenotazioni di analisi e visite, dal 1° giugno riaprirà il Cup e in futuro D’Urso ha garantito il rafforzamento del servizio di prenotazione che potrà essere effettuata anche telematicamente, venendo così incontro soprattutto alle persone con ridotta mobilità.

Nota della Segreteria comunale della Lega Arezzo.

Alessandro Casi