Consiglio Comunale: consigliere Romizi sui centri aggregazione sociale

Francesco Romizi
Francesco Romizi

Interrogazione di Romizi (Arezzo in Comune) sui centri di aggregazione sociale “Dall’assessora Tanti soltanto falsità. Non ho caldeggiato riaperture scriteriate Ho invece chiesto risposte, che non sono arrivate, sul sostegno del Comune ai Cas”

Comunicato stampa del consigliere Francesco Romizi (Arezzo in Comune).

“Non voglio replicare all’assessora Lucia Tanti perché, nel suo comunicato stampa sui centri di aggregazione sociale, ha scritto solo delle falsità.

Nella mia interrogazione urgente non ho caldeggiato una riapertura scriteriata dei Cas, tutt’altro. Ho voluto semplicemente sollevare le perplessità e le preoccupazioni dei dirigenti e dei soci dei molti centri di aggregazione sociale della nostra città. Ho domandato quali scelte l’amministrazione comunale intende mettere in atto per sostenerli. Ho chiesto quali agevolazioni fiscali il Comune sta cercando e quale potrebbe essere, questo sì, la road map per una riapertura futura.

Ricordo che i Cas sono uno straordinario spazio di aggregazione e di sostegno alla cittadinanza, in special modo per gli anziani. Mi sarebbe piaciuto sapere dall’assessora perché, dal settembre 2019, non viene convocato il coordinamento dei Cas, il vero organo di partecipazione e di condivisione tra Comune e Centri, riunione che sarebbe fondamentale in questo momento proprio per concordare le azioni di sostegno del Comune.

Infine ho rivolto un accorato appello all’amministrazione comunale affinché gli spazi dei Cas, soprattutto quelli all’aperto, vengano utilizzati per realizzare campi estivi per i bambini e le bambine di Arezzo.

Come si può capire, sono toni e contenuti completamente diversi da quelli censurati dall’assessora Tanti nel suo comunicato, che alla mia interrogazione non ha dato neanche una risposta”.