Ecco la lista Arezzo 2020. “Unica forza reale di sinistra. Obiettivo: essere determinanti per la vittoria di Ralli”. Romizi, la sfida? “sarà solo a due”

di Claudia Martini

Il primo a prendere la parola, stamani nella sala del Camino di Palazzo Comunale, è stato Franco Dringoli, ex assessore della Giunta Fanfani. Occasione la presentazione della lista Arezzo 2020, evoluzione di Arezzo In Comune, che nella legislatura che volge al termine ha visto tra gli scranni del Consiglio comunale Francesco Romizi come capogruppo, ma che raccoglie anche membri di Insieme Possiamo, oltre a new entry quali la neo diplomata Claudia Ortiz.

La lista sostiene la candidatura a sindaco, per il centrosinistra, di Luciano Ralli.

“E’ una formazione che aggrega persone che vengono da esperienze diverse unite dalla volontà di portare una proposta di cambiamento per la nostra città – ha esordito Dringoli. Arezzo 2020 non si forma alla vigilia delle elezioni, ma siamo un’aggregazione che lavora insieme da un anno. Abbiamo anche predisposto un programma per la città, arricchito dagli incontri con competenze che si vogliono mettere a disposizione di questa esigenza di cambiamento.

E’ l’unica reale forza di sinistra ambientalista che non vede solo la scadenza elettorale. Sosteniamo la candidatura di Ralli, ma è un’esperienza che va oltre. L’esistenza di questa forza unitaria ha dimostrato di essere fortemente sentita sul territorio“.

Ha quindi preso la parola Francesco Romizi ribadendo: “per la prima volta la sinistra aretina si presenta con una formazione compatta, che si unisce al centrosinistra portando in Arezzo 2020 anche Insieme Possiamo. La volontà è quella di essere un perno della coalizione di centrosinistra. La nostra lista è fatta di persone che in questi cinque anni si sono impegnate nell’opposizione a Ghinelli, io in aula, loro fuori.

Arezzo 2020 si prefigge non certo di arrivare prima nella coalizione per Ralli ma di essere una forza determinante per la vittoria.

Ritengo che il prossimo scontro elettorale sarà tra la visione infangata degli ultimi anni in cui ha amministrato Ginelli e l’opposizione costruttiva di Ralli. E’ per questo che scendiamo decisamente in campo a sostegno di Luciano”.

Tra i volti noti Giuseppe Caroti e Roberto Baroni.

Nel simbolo il colore amaranto sullo sfondo, colore della città, e una spiga, emblema di rinascita ma anche di attenzione all’ambiente, tema che sta particolarmente a cuore a questa formazione politica.

INTERVISTA A FRANCESCO ROMIZI E CLAUDIA ORTIZ

LA DIRETTA DELLA PRESENTAZIONE REALIZZATA DA STEFANO PEZZOLA