FdI Arezzo: il M5S al governo a Roma da una parte tiene i porti aperti, poi fa uscire di galera i boss mafiosi, ma incolpa dei problemi di sicurezza il comune di Arezzo

Ci sarebbe da ridere per l’uscita improvvida del M5S, se non fosse un tema molto delicato e importante per tutti i nostri concittadini.
Tutti i mezzi che l’amministrazione ha a disposizione, in questo momento, sono utilizzati per coadiuvare nel controllo del territorio le forze di polizia statali, ma è evidente che tutti i sindaci, così come il sindaco Ghinelli, sono condizionati dalle direttive delle istituzioni nazionali preposte all’ordine e al controllo delle città, quali i prefetti.
Una sinergia può essere incisiva nell’azione di prevenzione e di controllo solo attraverso un cambio di passo nelle politiche del governo centrale.
Senza certezza della pena poi, anche il lavoro svolto dalle forze di polizia viene vanificato, molto spesso, dando un ulteriore senso di scoraggiamento a tutti noi cittadini.
Abbiamo già denunciato più volte pubblicamente l’esistenza di bande dedite allo spaccio di stupefacenti che in certe zone continuano a creare disagi e problemi così come altri fenomeni di microcriminalità al sig. Prefetto, ma non accettiamo lezioni in tema di sicurezza da chi lo fa solo adesso per cercare del consenso elettorale, senza pensare a ciò che dice, rispetto all’operato del proprio partito a livello nazionale.
Come Fratelli d’Italia Arezzo invitiamo i cinquestelle aretini a rendersi conto che è il loro governo con il PD che ha ripreso a far entrare questi falsi rifugiati in italia, che sono spesso manovalanza della mafia nigeriana, e ne tollera i comportamenti indegni e che poi sta facendo uscire i boss mafiosi dalle carceri. Attaccare Ghinelli per i fatti di campo di Marte è ridicolo e sciocco, forse dovrebbero chiedere  conto ai loro ministri e al Prefetto circa l’operato di quest’ultimo e del governo….
Purtroppo aprire la bocca a sproposito pare essere un vizio comune dei grillini, sia a livello nazionale che a livello locale.