Festa della Repubblica, ai neo-diciottenni sangiovannesi una copia della Costituzione e la lettera del Sindaco Vadi

Quest’anno le iniziative del 2 giugno comprensibilmente non si realizzeranno in luoghi pubblici o in eventi di aggregazione, per assicurare il corretto rispetto delle misure anti-contagio imposte dal Governo e dalla Regione allo scopo di limitare la diffusione del contagio da virus Covid-19.

Per questi motivi il Comune di San Giovanni Valdarno ha scelto di celebrare la Festa della Repubblica insieme a tutti i cittadini che hanno compiuto o dovranno compiere nel 2020 i 18 anni di età. A tutti i neo e prossimi maggiorenni è stata infatti invita una copia della Costituzione Italiana insieme ad una lettera scritta dal Sindaco Valentina Vadi. Nella lettera il Sindaco ricorda i diritti, soprattutto politici, che i giovani cittadini acquisiranno da quest’anno ma sottolinea altresì anche che da quest’anno consapevolmente e responsabilmente saranno ritenuti in grado di agire il diritto/dovere di cittadinanza.

Il 2 Giugno è la Festa della Repubblica che segna l’inizio di una fase nuova nella storia del nostro paese”, ha dichiarato Valentina Vadi, Sindaco di San Giovanni Valdarno. “Dopo venti anni di dittatura fascista, di libertà soppresse e di una guerra terribile e sanguinosa, nel Giugno del 1946 l’Italia ritrovò la strada di un vivere civile e democratico, che è quello che ci ha accompagnato fino ad oggi. Il Referendum istituzionale determinò la scelta della nuova forma dello Stato, la Repubblica democratica e parlamentare, e l’elezione della Assemblea Costituente stabilì la nascita della Costituzione che entrò in vigore due anni dopo, il 1 Gennaio del 1948.

In questo primo anno di mandato istituzionale, come Amministrazione Comunale, nonostante le restrizioni e le norme di sicurezza, abbiamo ritenuto importante, e nostro dovere, trovare il modo di consegnare ai neodiciottenni sangiovannesi una copia della Costituzione Repubblicana perché possano leggerla ed approfondirla, ed interiorizzare, ‘vivendoli’, i principi che vi sono contenuti. Come scrive Paolo Grossi, Presidente emerito della Corte Costituzionale, “la Costituzione non è un decalogo imbalsamato, ma un breviario di valori” e in tal modo deve essere letta ed interiorizzata. (Una Costituzione da vivere. Breviario di valori per italiani di ogni età).

Avrei voluto consegnare personalmente, in una occasione pubblica ed in veste istituzionale, la Costituzione Repubblicana, ma le condizioni attuali di emergenza sanitaria non lo consentono e questa è la ragione per cui è stata recapitata a casa per posta, insieme ad una lettera di accompagnamento a mia firma.

Ringrazio la Regione Toscana che ci ha consentito di avere, gratuitamente, le copie della Costituzione consegnate a tutti i ragazzi e ragazze di San Giovanni Valdarno che in questo 2020 hanno già compiuto o compiranno 18 anni” conclude il Sindaco.

Impossibile non menzionare l’emergenza sanitaria che stiamo tutt’ora vivendo, e che ha stravolto la vita scolastica di tutti i ragazzi e delle loro famiglie; questa sfida, che vedrà molti giovani studenti affrontare l’esame di Stato in modalità del tutto straordinarie, ha dovuto responsabilizzare ancora di più i nostri freschi maggiorenni.