Il GAL Appennino Aretino in piena attuazione dei progetti locali finanziati

Il GAL Appennino Aretino nonostante l’emergenza COVID-19 prosegue la propria attività in piena attuazione dei progetti finanziati nella Programmazione locale LEADER 2014-2020.

Tutte le misure scelte nella propria Strategia d’area sono state messe a Bando, gli ultimi due bandi, chiusi il 26 giugno 2020, hanno riguardato la misura 7.6.1 (II fase) a favore di Comuni, Unioni dei Comuni ed Ente Parco i cui incentivi attiveranno a livello locale investimenti mirati alla riqualificazione di centri storici o borghi rurali, e la misura 7.5, sempre a favore di Enti pubblici, per sostenere investimenti di fruizione pubblica in infrastrutture ricreative e informazioni turistiche su piccola scala.

In merito alla misura 6.4.1 che finanzia le attività di diversificazione delle aziende agricole e la 8.6 che invece finanzia attrezzature per le filiere forestali, non manca molto alle Graduatorie Definitive che seguiranno solo al termine della verifica istruttoria delle domande presentate. Solo al termine di questo iter infatti di controllo sarà possibile conoscere i progetti ammessi a finanziamento. Queste due opportunità hanno riscontrato un grande interesse nel territorio di competenza del GAL infatti la partecipazione è stata oltre ogni aspettativa ben 40 domande sulla 6.4.1 e 70 sulla 8.6. La misura 6.4.1 finanzia le attività di diversificazione delle aziende agricole mentre la 8.6 finanzia le attrezzature per le filiere forestali. Le risorse per la 6.4.1 sono sufficienti a coprire tutte le richieste mentre la dotazione finanziaria della 8.6 soddisfa 46 domande. Il sostegno del GAL attraverso il PSR della Toscana al mondo rurale acquista in questo momento un valore ancor più sostanziale. Il PSR è cofinanziato dall’Unione Europea attraverso il FEASR (Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale), dallo Stato e dalla Regione Toscana. Oggi più che mai la struttura del GAL sente l’importanza di un impegno che va oltre il supporto di assistenza tecnica per l’ottenimento di un contributo a fondo perduto, in questo momento così difficile è un aiuto di incoraggiamento ad una ripresa economica e nonostante tutto le aziende locali stanno mostrando tutto il loro interesse a voler realizzare i propri investimenti per i quali hanno richiesto il finanziamento attraverso il GAL aretino.