Il Giorno del Ricordo, le celebrazioni

10 febbraio. Si celebra oggi il “Giorno del Ricordo”  istituito con Legge 30 marzo 2004, n. 92 in memoria delle vittime delle foibe, dell’esodo giuliano-dalmata, delle vicende del confine orientale.

Ad Arezzo gli eventi organizzati dalla Prefettura, dal Comune e dalla Provincia di Arezzo con la collaborazione dell’ Associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia – Sezione di Padova.

Alle 10 presso Largo Martiri delle Foibe si è tenuta la deposizione di una Corona di alloro, a cui ha preso parte – grazie alla sensibilità da sempre dimostrata dall’Ufficio Scolastico Territoriale di Arezzo particolarmente impegnato nel mantenere sempre viva la memoria di quei tragici eventi il cui ricordo è alla base per la formazione del senso civico delle giovani generazioni affinché possa essere scongiurata ogni forma di violenza, di intolleranza o di discriminazione – una rappresentanza di studenti delle scuole medie e superiori della provincia provenienti dall’istituto Comprensivo Statale “Martiri di Civitella” di Civitella in Val di Chiana, dal Liceo Artistico, Coreutico e Scientifico Internazionale “Piero della Francesca” di Arezzo e dall’Istituto Comprensivo “Piero della Francesca” di Arezzo.

Gli studenti hanno dato lettura di alcuni brani che evocano i tragici eventi.

La deposizione è stata accompagnata dall’esecuzione musicale dell’ “Inno d’Italia” e de “La Leggenda del Piave”.

Alle 21, presso il teatro della Bicchieraia, Italia Giacca – esule e Presidente del Comitato di Padova dell’Associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia – propone un breve intervento, seguito dalla rappresentazione curata dalla compagnia Medem di Città di Castello dal titolo “Memorie dal sottosuolo”, monologo teatrale di Angela Ambrosini ed un reading di racconti  “Norma e le altre” di Giuseppina Mellace. L’ingresso è gratuito.