La musica polifonica protagonista ad Arezzo con un concerto straordinario dei Musica Ficta

La musica polifonica in scena ad Arezzo: martedì 15 settembre alle ore 21.00 la Chiesa di San Michele ospita un concerto straordinario che vede protagonista il complesso vocale danese “Musica Ficta”, diretto dal maestro Bo Holten.

Organizzato dalla Fondazione Guido d’Arezzo l’appuntamento si offre come un’occasione imperdibile per gli amanti della vocalità che potranno apprezzare un ricco programma che prevede l’esecuzione di madrigali di Claudio Monteverdi, Luca Marenzio, Carlo Gesualdo, Johann Grabbe, Heinrich Schütz, John Wilbye e Thomas Weelkes.

Grazie a un finanziamento del governo danese, i “Musica Ficta”, hanno scelto il territorio aretino e in particolare il castello di Gargonza, come sede per studiare e perfezionare il repertorio riguardante il madrigale italiano. Un luogo perfetto per approfondire una forma musicale tipica del Rinascimento italiano che ha visto i massimi compositori dell’epoca, vestire di note i testi dei più grandi poeti, da Petrarca al Tasso.

Il concerto fa parte del Guidoneum Festival, l’attività concertistica che la Fondazione Guido d’Arezzo svolge annualmente in ambito corale e si inerisce nel quadro delle manifestazioni sostitutive del Concorso Polifonico Internazionale, manifestazione che da ormai 67 anni, ogni estate richiama ad Arezzo ensemble corali e del da tutto il mondo e che quest’anno è stata cancellata a seguito dell’emergenza sanitaria.

Ingresso libero fino a esaurimento posti. L’accesso sarà consentito secondo le normative Covid.

I Musica Ficta sono Ann-Christin W. Ingels (soprano), Hanna Kappelin (soprano), Christine Nonbo (soprano), Eva Wöllinger-Bengtson (alto), Daniel Carlsson (counter), Tobias Aabye Dam (tenore), Josef Hamber (tenore), Lauritz Jakob Thomsen (baritono) e Rasmus Kure Thomsen (basso). Bo Holten è il direttore.

Il complesso vocale è stato creato a Copenhagen nel 1996 dal compositore e direttore Bo Holten. Il gruppo lavora esclusivamente su progetti a tema ed è specializzato nella antica musica vocale, sia la polifonia rinascimentale sia i madrigali, e nella musica medievale.

Bo Holten (1948), dopo aver studiato musicologia all’Università di Copenhagen e fagotto alla Royal Academy of Music, ha acquisito molta notorietà in Europa sia come compositore sia come direttore di vari gruppi guadagnandosi un particolare riconoscimento come esperto in antiche polifonie vocali. Holten ha diretto numerose orchestre sinfoniche. Nel 1996 ha fondato un nuovo complesso vocale, Musica Ficta. Come direttore, Holten è stato invitato a dirigere una grande varietà di complessi e cori in Scandinavia e in altri paesi, tra i quali ricordiamo Swedish Radio Choir, Nederlands Kamerkoor, National Chamber Choir of Ireland, ed il Flemish Radio Choir.  Nel 2007 è stato nominato Direttore principale del Flemish Radio Choir. Come compositore, Holten si è prodotto nei più diversi generi musicali prediligendo l’opera e la musica vocale, ma mettendosi anche in luce per le sue colonne sonore di film (a partire dal primo capolavoro di Lars von Trier, L’elemento del crimine) e musicals. Holten è anche uno strenuo difensore della musica contemporanea, presentando oltre 175 prime assolute di opere nuove.