Lezioni di musica in videoconferenza per Proxima Music

L’utilizzo delle tecnologie permetterà alla scuola di proseguire la didattica nonostante il Coronavirus
Da lunedì 16 marzo, i cento allievi di Proxima Music riprenderanno la preparazione con i loro docenti

Lezioni di musica in videoconferenza per dar seguito alla didattica nonostante il Coronavirus. L’iniziativa è promossa da Proxima Music che, con il diffondersi della malattia e con i decreti degli ultimi giorni, ha dovuto sospendere l’insegnamento ordinario nei locali del Liceo Scientifico ma si è immediatamente attivata per sopperire a queste limitazioni attraverso l’utilizzo della tecnologia.
A partire da lunedì 16 marzo, i cento allievi della scuola aretina potranno ricevere lezioni dai rispettivi docenti attraverso un collegamento in videoconferenza tramite skype o altri software che, integrando sistemi audio e sistemi video, andrà a garantire la continuità dell’apprendimento e del percorso di crescita da casa e in piena sicurezza. Questa tecnologia sarà utilizzata per i soli corsi individuali di musica classica e di musica contemporanea dei vari strumenti a corda, a fiato, a tastiera, a percussione o elettrici, oltre che di canto lirico o moderno, permettendo così di dar seguito alla preparazione orientata al saggio di fine anno in calendario a giugno.

La videoconferenza permetterà anche di proseguire l’avviamento alla musica per bambini, ragazzi e adulti che potranno vivere una lezione di prova gratuita in cui verranno accompagnati tra le prime note, con l’unico requisito che è rappresentato dal possesso personale di uno strumento. Per la riorganizzazione delle lezioni individuali e per ulteriori informazioni è possibile contattare direttamente la segreteria di Proxima Music al 331/199.78.65. «La nostra priorità – commenta il direttore della scuola Alessandro Bertolino, – è stata fin da subito di provare a garantire la didattica anche in questo delicato periodo di diffusione del Coronavirus, dunque abbiamo proposto l’insegnamento in videoconferenza e i nostri docenti hanno accolto con entusiasmo questa possibilità. Gli standard di audio e video delle attuali tecnologie permettono di poter insegnare musica anche a distanza mantenendo buona qualità e garantendo così l’insegnamento nella piena sicurezza di allievi e maestri».