Madonna del Conforto, scale mobili a singhiozzo. Ma ci sono le navette. Attesi oltre 50mila fedeli

Madonna del Conforto
Madonna del Conforto

Il 15 febbraio, che quest’anno ricade di sabato, Arezzo festeggia la Madonna del Conforto. L’immagine sacra è venerata da ogni parte della provincia. Sono infatti attesi in città oltre 50mila fedeli.

Le scale mobili per raggiungere il Duomo però hanno dei problemi. Due rampe infatti non sono in funzione. Per questo Atam è corsa ai ripari per garantire comunque il servizio e agevolare coloro che vogliono recarsi in Cattedrale.

Quindi, la Lancetta non solo raddoppia, visto che dalle 8,35 alle 19,50 farà sia le corse feriali che quelle festive, ma aggiunge ulteriori partenze serali dalla cattedrale alle 19,13 alle 19,38 e alle 20,03. E il servizio sarà attivo anche su chiamata per persone con disabilità.

Sabato, comunque le scale mobili aprono i cancelli alle 5,30. E resteranno fruibili fino all’una di domenica 16.

Inoltre, nel giorno delle celebrazioni modifiche al traffico e alla sosta ancor più stringenti. Dalle 6 alle 24 scatta il divieto di sosta in via Ricasoli inclusa l’area adiacente al sagrato e in piazza Madonna del Conforto. In via Ricasoli, inoltre, non si potrà circolare così come in viale Buozzi.

La Santa Messa delle 10,30 verrà presieduta dal Cardinal Sandri. Mentre quella delle 18, come da tradizione, sarà celebrata dall’arcivescovo Fontana. Il Cardinale Leonardo Sandri, Prefetto della Congregazione per le Chiese Orientali,  annunciò al mondo, dal balcone di San Pietro, la morte di Giovanni Paolo II. Alle 21, invece, l’omaggio dalla Giostra del Saracino alla Madonna.

Intanto, non dimentichiamo che oggi, alla vigilia della Festa, ricorre San Valentino. Alle 10,30 la giornata prenderà quindi il via con la messa con gli sposi delle nozze d’oro e d’argento. Alle 18 con i monaci di Camaldoli.