Sansepolcro: Gruppo PD-InComune interviene sull’ultimo Consiglio Comunale

“I due temi più dibattuti in questi primi mesi dell’anno in Città: l’ipotesi dell’apertura di un parco commerciale sull’area ex Cose di Lana (e prima ex Boninsegni) e la trasformazione dell’Hotel La Balestra in RSA, sono stati al centro del Consiglio Comunale del 18 febbraio. Era importante, per quanto possibile, che l’amministrazione chiarisse lo stato dell’arte.

Dalle parole del vice-sindaco Galli è emerso che il percorso del parco commerciale è solo un’idea di progetto e non è stata depositata nessuna pratica. Per ora, da regolamento urbanistico, la superficie commerciale è di circa 2.500 metri quadri e l’amministrazione aprirebbe alla possibilità di aggiungere spazio per non ben specificati “servizi”. Per noi diventa fondamentale chiarire il progetto di città che vogliamo per tenere insieme il comparto manifatturiero, di cui stiamo perdendo importanti tasselli, la vitalità del centro storico, l’artigianato e l’occupazione. A quasi quattro anni dall’insediamento, il Sindaco-imprenditore che doveva portare lavoro e imprese, sembra impegnato a rincorrere l’ultimo progetto presentato, l’ultima urgenza, in assenza di idee proprie, senza una linea di indirizzo e una chiara visione del futuro. La mancanza di qualunque tipo di risultato positivo lo dimostra.

Sulla questione della trasformazione dell’hotel La balestra in RSA l’assessore Vannini ha rivendicato come giusti i passaggi fatti, per noi, invece, le procedure seguite da Cornioli sono state sbagliate: non si può chiedere la convocazione della conferenza zonale senza avere prima analizzato la situazione e trovato un accordo con tutti i Sindaci della Valtiberina.  Essersi presentati in ordine sparso, senza condivisione alcuna, ha solo dimostrato la debolezza del nostro territorio che doveva essere unito nel chiedere un maggior numero di quote sanitarie viste le liste di attesa e l’invecchiamento della popolazione. Su questo tutti sarebbero stati concordi e avrebbe aperto la strada alle successive richieste.

La discussione in Consiglio, a cui non ha partecipato il Sindaco, è stata molto animata e si è arrivati ad un voto unanime sulla nostra mozione che chiedeva, su questi temi, la convocazione della commissione attività produttive, con l’aggiunta di quella Urbanistica, in modo da poter entrare nel merito delle questioni cercando di approfondirne tutti gli aspetti. Siamo soddisfatti che tutte le forze politiche abbiano sentito il comune bisogno di riunirsi perché è in gioco il futuro della nostra città e la sua identità.”

Gruppo PD-InComune