Sansepolcro, le forze di opposizione chiedono spiegazioni sui video del sindaco Cornioli

“I video diffusi dall’amministrazione comunale durante gli ultimi mesi sono stati fatti solo per informare tempestivamente la città di quanto stava accadendo oppure nascono dal desiderio di protagonismo del Sindaco Cornioli?

Questa domanda ci ha spinto, come forze di opposizione, a presentare un’interrogazione che è stata discussa nel Consiglio comunale del 12 maggio, per avere spiegazioni su questi video che nell’ultima parte dell’emergenza Coronavirus hanno visto colme esclusivo protagonista il Sindaco Cornioli. Si tratta di video dal forte impatto emotivo in cui Cornioli, al centro della scena, parla alla popolazione.

È lampante che si tratta di video girati ed ideati da professionisti, e quindi ci si aspetterebbe che ci fosse un documento relativo a quest’affidamento. Eppure, ad oggi, nell’albo pretorio non sono presenti atti amministrativi con i quali siano stati conferiti incarichi, anche gratuiti, per svolgere questi servizi per il sindaco Cornioli. Con la nostra interrogazione, volevamo proprio capire se si fosse agito in ottemperanza alla legislazione sulla trasparenza che prevede, anche per le concessioni gratuite di servizi, procedure amministrative.

E non tralasciamo anche il fatto che, nella maggior parte dei casi, questi video sono stati diffusi in primo luogo attraverso la pagina personale del Sindaco Cornioli. Solo in un secondo momento sono stati condivisi anche attraverso la pagina istituzionale del Comune. Anche questo elemento ci pare indicativo di una volontà di protagonismo da parte del Sindaco Cornioli, prima ancora che di una volontà di informare tempestivamente i cittadini.

Il Sindaco non ha gradito questa interrogazione e ha risposto dichiarando che si è trattato di una decisione presa dal Centro Operativo Comunale (COC), composto dagli assessori Galli e Marzi e da altre persone, tutte nominate dal Sindaco. Il COC è un organo che ha il compito di coordinare il Piano Comunale di protezione civile, e ci saremmo aspettati che nell’emergenza coronavirus avesse di meglio a cui pensare che dare incarichi per effettuare video-riprese.

Ci sembra oltremodo strano che, nella situazione di emergenza e pericolo, descritta compiutamente in Consiglio dal Sindaco nella sua lunga narrazione di tutte le fasi del lockdown, si sia avuto il tempo e sprecato energie per comporre articolate narrazioni con inquadrature, montaggi e colonne sonore. Sull’aspetto formale il Sindaco ha ribadito che non ci sono atti di incarico e che lui ha agito con una lettera privata, giustificandosi con il fatto che si trovava in una situazione di emergenza.

Eppure, la possibilità di seguire la corretta procedura amministrativa c’era tutta, considerando anche che i dipendenti comunali sono rimasti in servizio. C’era bisogno di derogare le procedure amministrative presenti pur di realizzare dei video con protagonista Cornioli? Secondo voi, questa era una necessità per i cittadini di Sansepolcro nella fase dell’emergenza? Noi riteniamo di no, e riteniamo soprattutto che, come forze di opposizione, abbiamo il dovere di fare chiarezza su questa vicenda, anche per evitare che possa costituire un brutto precedente.”

PD-InComune; Movimento Cinque Stelle

Forza Italia; Lega Nord