Sinistre d’opposizione, entra anche il Pci

Alcuni giorni fa si è costituito anche ad Arezzo il Coordinamento delle sinistre di opposizione, “strumento e spazio al servizio delle lotte politiche e sociali, sia nazionali che locali, promosso nella nostra città dopo il successo dell’assemblea nazionale del 7 dicembre scorso svoltasi a Roma” spiega in una nota la stessa compagine.

Al Coordinamento, prosegue la nota: “di cui già facevano parte il Partito Comunista dei Lavoratori e il Partito della Rifondazione Comunista, si è aggiunto in questi giorni il locale Partito Comunista Italiano.
Il Coordinamento non promuoverà un cartello elettorale, ma un fronte di forze organizzate che coordineranno azioni politiche di opposizione, sia contro la destra nazionalista e liberticida, che contro il Governo attualmente in carica, sostenuto dalla sinistra parlamentare”.

In questa fase, il Coordinamento “sta lavorando alla organizzazione di un evento previsto per il 9 maggio che avrà per tema il lavoro dal punto di vista dei lavoratori: aziende in crisi, che chiudono e delocalizzano; lavoratori che si organizzano per riattivare l’azienda con forme di autogestione; lavoratori che promuovono nuovi lavori, partendo da tradizioni ormai superate dalla globalizzazione, eccetera.
Il Coordinamento, è aperto a tutte le forze di opposizione sindacale, politica e di movimento. Per prendere contatti e per aderire o promuovere campagne politiche si può scrivere all’indirizzo di posta elettronica del Coordinamento aretino delle Sinistre d’opposizione: [email protected]” termina la nota.