Zagami (M5S Arezzo): “Riciclati nelle partecipate. Così la politica Aretina si spartisce le poltrone”

“Puntuali come un orologio svizzero, ogni 5 anni alle porte delle elezioni, oltre alle canoniche forze politiche si presentano una miriade di liste a sostegno di coalizioni di destra e di sinistra, dove spesso e volentieri si “riciclano” gli “sconfitti” dei partiti ufficiali, ma anche coloro che utilizzano la maschera civica dicendo di essere fuori dai partiti di cui hanno fatto parte fino a due giorni prima.

Finite le elezioni, i “vincitori” passano alla cassa a riscuotere posti di potere nella giunta, nelle partecipate e un bel primo piano con i “big” della politica nazionale.

Ma non è tutto, perché se poi andiamo a vedere gli organigrammi di queste società, si possono scovare gradi di parentela a tutti i livelli.

Come si può ben vedere dalle ultime inchieste che hanno investito la nostra città, il meccanismo delle nomine non premia le competenze ma gli accordi politici.

Vi chiedete perché le bollette sono così salate, oppure in alcuni casi i servizi scadenti?

La risposta è sotto i vostri occhi.

Io chiedo a tutte le forze politiche un atto di trasparenza nei confronti dei cittadini Aretini. Mettiamoci ad un tavolo e firmiamo tutti un documento di rinuncia a qualsiasi posto nelle società partecipate.

Siete tutti d’accordo nel volere la meritocrazia? Bene, facciamola nei fatti!

​Sfido tutte le liste e i partiti a creare, prima delle elezioni, un vademecum da consegnare al futuro sindaco dove tutti ci impegniamo a prendere i migliori e ad effettuare le scelte utilizzando il criterio dell’ avviso pubblico per titoli, così mettiamo fine a qualunque “scambio” di potere.”

Francesco Zagami