Cortona, conto alla rovescia per Luci dalle tenebre

Un weekend per dare la spinta al turismo

È tutto pronto per il taglio del nastro della mostra «Luci dalle tenebre, dai lumi Etruschi ai bagliori di Pompei» che sarà inaugurata domani, 4 giugno, a Cortona e sarà aperta al pubblico dal giorno seguente.

La cerimonia si terrà nel pomeriggio al Teatro Signorelli alle ore 16,30, nel rispetto dei protocolli Covid19 e quindi a numero contingentato di invitati. Successivamente proseguirà al Maec per il taglio del nastro, mentre al mattino si svolgeranno le visite riservate alla stampa e alle guide turistiche.

«L’evento si doveva svolgere l’anno scorso – ricorda l’assessore alla Cultura Francesco Attesti – ma siamo stati costretti a questo lungo rinvio, tuttavia l’attesa non è stata inutile, perché ci siamo adoperati per arricchire ancora di più l’offerta di questa esposizione. Per questo motivo vorrei proprio ringraziare la preziosa collaborazione offerta da Paolo Giulierini, al direttore del Museo archeologico nazionale di Napoli, nonché conservatore del Maec, abbiamo chiesto il prestito di alcune opere fondamentali, in particolare quello della statua dell’efebo, un elemento che ha subito assunto un ruolo centrale nella esposizione».

Nel corso del fine settimana a Cortona è previsto l’arrivo di alcune decine fra tour operator e giornalisti di viaggio che parteciperanno ad un «educational» loro dedicato. Il gruppo di arriverà principalmente da Milano, è qui che gli organizzatori hanno concentrato gli inviti al fine di sfruttare le potenzialità della fermata del treno Frecciarossa. I professionisti arriveranno infatti venerdì sera e ripartiranno lunedì mattina, sempre con il treno veloce. Nel corso del fine settimana prenderanno parte a visite guidate alla mostra al Maec, ma avranno modo di prendere visione del Centro convegni Sant’Agostino, del centro storico di Cortona e al Museo Diocesano, oltre a partecipare a «pacchetti esperienziali». Ci sarà anche la possibilità di partecipare ad escursioni e percorsi trekking nei nuovi itinerari della Montagna Cortonese, ma anche di visitare il parco archeologico e di apprezzare l’eremo delle Celle.

«Cortona riparte – dichiara il sindaco Luciano Meoni – come amministrazione comunale stiamo investendo risorse, ma voglio ringraziare tutti coloro che a vario titolo si stanno impegnando per rilanciare il nostro territorio, contribuendo a fare un grande gioco di squadra».