D.I.M.A. : avvio dell’anno accademico e progetti internazionali

D.I.M.A. riprenderà i corsi e le lezioni per il nuovo anno accademico lunedì 27 settembre;

E’ ancora difficile la situazione dovuta all’emergenza sanitaria che ci affligge da quasi due anni ma nonostante tutto l’Associazione Culturale D.I.M.A. non si è arresa al Covid19 e in questo periodo, oltre a continuare la formazione musicale attraverso le lezioni in modalità online ma anche in presenza (seguendo tutte le normative vigenti in materia di contenimento del contagio) ha soprattutto ideato e sviluppato numerosi progetti – artistici, didattici e di ricerca – che proprio in questo settembre si stanno concretizzando e vedono la loro realizzazione.

D.I.M.A. riprenderà i corsi e le lezioni per il nuovo anno accademico lunedì 27 settembre; è possibile conoscere le novità, l’offerta formativa e i docenti nelle giornate di Scuola Aperta organizzate nei pomeriggi delle giornate del 17 – 18 – 23 – 24 – 25 settembre prossimi.

Per maggiori informazioni è possibile contattare l’Accademia tramite email all’indirizzo [email protected] oppure telefonicamente, tutti i giorni dal lunedì al venerdì dalle ore 15 alle ore 19.30, al numero +39 377 2994923

In attesa di riprendere l’attività didattica e formativa D.I.M.A. vive una grande ripartenza, in particolare in ambito artistico e nelle relazioni internazionali grazie al suo Direttore Artistico Giorgio Albiani, docente al Conservatorio Cherubini di Firenze. Infatti numerosi sono i Festival Nazionali e Internazionali a cui il chitarrista è stato invitato per esibirsi in veste di solista e in formazione da camera e che hanno messo in evidenza il D.I.M.A. con il suo progetto, nato nel 2014, D.I.M.A. Arezzo nel mondo.

Dopo il concerto di apertura del Festival di Musica da Camera presso la prestigiosa Astana Opera House su invito del presidente della Repubblica del Kazakistan, dove ha presentato La Comédia opera per chitarra solista dell’aretino Roberto Rossi, è iniziata un’intensa serie di concerti che stanno portando D.I.M.A. in Europa e nel mondo :

  • Festival “Federico Cesi” – Musica Urbis 2021. La grande musica sotto le stelle, organizzato da Fabrica Harmonica da anni importante punto di riferimento culturale nel territorio umbro tra le province di Perugia e Terni. Giorgio Albiani si è esibito in duo con Adriano Walter Rullo proponendo un programma dedicato al Sudamerica e in particolare ad Astor Piazzolla nel Centenario dalla nascita.

  • Neckar-Musik Festival 2021, organizzato da Piano International e.V. Heidelberg. Concerto solistico nella cittadina Bad Wimpfen, in collaborazione con l’Istituto Italiano di Cultura di Stoccarda. Un concerto emozionante di cui ha parlato anche la stampa tedesca: “Paesaggi sonori mediterranei sulla sei corde. Giorgio Albiani emoziona con perle di letteratura chitarristica” così intitola una pagina della sezione dedicata alla cultura il quotidiano HEILBRONNER STIMME del 6 settembre scorso.

Un chitarrista di livello mondiale, che non è estraneo a nessuna delle maggiori sale da concerto del mondo saluta il suo entusiastico pubblico del foyer dell’Old Hospital di Bad Wimpfen con un programma dedicato al mediterraneo costellato di perle della letteratura barocca italiana e spagnola capolavori del XVIII e XIX secolo e un grandioso omaggio di Roberto Rossi (ndr: chitarrista, compositore e docente di D.I.M.A.) al poeta Dante Alighieri, il “padre della lingua italiana”.

E ancora: “Giorgio Albiani rapisce il suo pubblico con l’incantesimo di una maestria assoluta […] Ha voluto trasmettere un saluto culturale dalla sua città natale Arezzo, racconta il maestro dopo il suo brillante recital, quel luogo della Toscana meridionale dove vide la luce il poeta rinascimentale Francesco Petrarca. Prossimamente nella casa in cui nacque il poeta, si tireranno le fila quando verranno pubblicati i primi risultati di un ambizioso progetto di ricerca sotto la direzione artistica di Albiani e della famiglia del grande compositore cinematografico Ennio Morricone per conto dell’Istituto Superiore di Sanità Italiano: l’impatto della musica sulle emozioni umane. Giorgio Albiani sarà il benvenuto come ambasciatore in qualsiasi momento”.

Nelle prossime settimane Albiani inoltre si esibirà:

  • con l’Ensemble de Guitarres Copla, alla VIII ed. del Festival Internacional de Guitarra de Lagoa in Portogallo. L’ensemble, composto da sei chitarristi, si presenta come un gruppo versatile e originale; i suoi musicisti sono tutti affermati vincitori di primi premi a concorsi internazionali, docenti di Conservatori in Europa e si sono tutti formati con il maestro Alberto Ponce, illustre docente al Conservatorio Nazionale di Parigi e alla prestigiosa Ecole Normale de Musique “A. Cortot” scomparso lo scorso 2019.

  • con il Quartetto Opera Nova, formato oltre che da Albiani da François Laurent, Monica Paolini e Walter Zanetti. Due gli appuntamenti: uno in Francia a Cabriès all’Auditorium Pierre Malbosc per Maison des Arts e l’altro a Bologna nella prestigiosa Sala Bossi del Conservatorio G. B. Martini in apertura del V° Festival e Concorso Internazionale “Maurizio Biasini” che si terrà a Bologna dal 27 settembre al 1 ottobre prossimo.

  • in veste di solista nell’ambito del IV Florence Guitar Festival, organizzato con il contributo di Estate Fiorentina 2021, AIdSM, Fondazione CR Firenze e Ministero della Cultura, si esibirà il prossimo 25 settembre alle ore 21.00 nella Sala Vanni, evento durante il quale terrà anche un incontro lectio magistralis il pomeriggio di domenica 26. Infine, il 1 ottobre sarà ospite nella chiesa duecentesca di S. Lorenzo a Bagno a Ripoli nella Stagione autunnale 2021 di Musica da Camera in San Lorenzo a Vicchio di Rimaggio, durante il quale proporrà un interessante programma con musiche di Sor, Tarrega, Rodrigo, Villa-Lobos e l’inedita Comedia (ispirata al 700esimo anniversario dalla nascita di Dante Alighieri) composta da Roberto Rossi.