La panina (gialla) aretina

Bentornati alle ricette di Zenzero&Cannella!
La PANINA aretina é un pan dolce tipico della nostra zona aretina nel periodo di quaresima…morbida, profumata e semidolce é una delizia per gli amanti dell’uvetta!!
In casa mia la tradizione della colazione pasquale vede proprio la panina gialla con uvetta come protagonista accompagnata da uova sode e salame nostrano in un connubio dolce e salato che mi ricorderà sempre l’infanzia…

In ogni caso che vi piaccia gialla o no (perché viene preparata sia con l’aggiunta di zafferano o meno), questa ricetta dovete assolutamente provarla, é fantastica a colazione come in qualsiasi momento vogliate gustarla, e si conserva perfettamente per giorni in sacchetti alimentari sigillati!!

INGREDIENTI:
300 gr farina debole tipo ’00’
300 gr farina forte tipo ‘0’ o manitoba
15 gr lievito di birra fresco
100 ml latte tiepido
180 ml acqua tiepida
60 gr zucchero
1 cucchiaino raso di sale
1 cucchiaino raso di cannella
1 bustina di zafferano
70 gr olio di semi biologico(riso, girasole, ecc)
La scorza grattugiata di 1 arancia+1 limone
500/600 gr uvetta

PREPARAZIONE:
Lasciare in ammollo 3 ore in acqua tiepida l’uvetta quindi strizzata bene e stenderla su una teglia rivestita con carta forno e tamponare l’uvetta con carta assorbente da cucina, lasciando sopra la carta pressando bene perché assorba l’umido in eccesso. Tenere da parte.


Un una ciotola di plastica o direttamente nella ciotola della planetaria versare il latte e sciogliere il lievito mescolando con una spatola. Aggiungere l’olio, la cannella e le scorze grattugiate.

Sciogliere lo zafferano nell’acqua ed unire al composto. Mescolare bene quindi unire in un solo colpo le due farine premiscelate.
Impastare in planetaria con il gancio una decina di minuti oppure con un mestolo di legno e poi con le mani su un piano di lavoro aggiungendo anche il sale prima che l’impasto prenda consistenza.

Formare una palla, mettere sul fondo di una ciotola capiente, coprire con pellicola alimentare e lasciar lievitare in luogo tiepido circa 3 ore o fino al raddoppio.
Riprendere l’impasto, amalgamare benissimo l’uvetta o a mano o sempre in planetaria con il gancio.


Formare le panine di dimensione a piacere arrotondando bene ogni pezzatura di impasto su se stessa, porre le panine  ben distanziate su una o più teglie coperte con un canovaccio pulito in forno spento e luce accesa, e lasciar lievitare minimo un’ora/ ora e mezza o comunque  fin quasi al raddoppio.

Facoltativo: spennellare se volete con latte o con una miscela di latte e olio di semi prima di infornare.

Infornare in forno caldo a 170°C per circa 25/30 minuti, fate la classica prova stecchino per avere la certezza della giusta cottura.
Sfornare e lasciar raffreddare perfettamente su una griglia.

Alla prossima ricetta
Chiara Castellucci