Le nuove opportunità per le Aree interne: a Poppi (Ar) convegno con esperti nazionali e amministratori

Domani giovedì 30 settembre e venerdì 1 ottobre al Castello dei Conti Guidi il convegno organizzato da Comune di Poppi e Unione dei Comuni Montani del Casentino

L’attuale situazione delle aree interne e le prospettive che si stanno aprendo: se ne parla domani giovedì 30 settembre (pomeriggio) e venerdì 1 ottobre (mattina e pomeriggio) a Poppi (Ar) con esperti nazionali ed amministratori regionali e locali nel convegno “Ambiente, economia, coesione: le nuove opportunità per le Aree interne”, organizzato da Comune di Poppi Unione dei Comuni Montani del Casentino. Il convegno potrà essere seguito in diretta sulla pagina facebook.com/comunedipoppi e su www.comune.poppi.ar.it.

Domani giovedì 30 settembre (a partire dalle 14.30) il convegno affronterà il ruolo delle aree interne nella fase attuale. A fare la relazione introduttiva sarà Sabrina Lucatelli, Vicepresidente Gruppo Ocse Politiche territoriali Aree Interne, Esperta Presidenza Consiglio dei Ministri. Si parlerà dei progetti nelle tre aree SNAI della Toscana con gli amministratori locali, del ruolo dei comuni e delle proposte su come rilanciare la progettazione nelle aree interne. Previsti gli interventi, tra gli altri, di Eleonora Ducci, Presidente Unione dei Comuni Montani del Casentino, Simone Gheri, direttore di Anci Toscana, Marco Niccolai, Presidente Commissione consiliare Aree interne e Stefania Saccardi, vicepresidente della Regione Toscana.
Venerdì 1 ottobre nella sessione mattutina si affronterà il tema della coesione sociale con gli interventi, tra gli altri, di Chiara Saraceno, Sociologa Honorary Fellow, Collegio Carlo Alberto, Università di Torino, Sabrina Iommi, ricercatrice Irpet e Serena Spinelli, assessore regionale alle Politiche sociali, mentre nella sessione pomeridiana il focus sarà sull’economia (foreste, filiera del legno, rigenerazione urbana): tra gli interventi in programma quelli di Gianluca Brunori, Professore di Politica alimentare Università di Pisa e Leonardo Marras, assessore regionale attività produttive e turismo.