Castiglioni is Back! è tornata…

Mentre Arezzo giace come la Bella Addormentata nella Vallata, Castiglioni fa coincidere il primo maggio con l’apertura del Maggio Castiglionese, e il Giorno della Nuova Liberazione. Dalle mascherine.
Una cittadina piena di gente aperta a ritrovare il godimento di passeggiare, andare a ristoranti, e godersi le installazioni artistiche che sovrastano il centro storico. E’ stato scelto una serie di forme geometriche di specchi, un invito a Riflettere.
Sulle superfici delle installazioni frasi scelte dai studenti del locale liceo di grandi dal pensiero grandangolare.
Un Niagara di artisti occupano vecchi, ma bellissimi palazzi del centro storico con le loro opere. L’Arte è penetrata in stanze chiuse da decenni, ed ora la sorpresa è vedere quei luoghi, e le opere che contengono.
Leggerezza, sorriso, voglia di godersi il ritrovato crostino sul tagliere a piccoli morsi, a rallentatore, voglia di parlare, e, nonostante tutto, voglia di Vivere.
Ce l’hanno messa tutta i maxi eventi mondiali organizzati per annichilirci, ma Castiglion Fiorentino ha dato uno schiaffo ed ha detto, noi non ci stiamo. Sarà un mese pieno di eventi.
Ma Arezzo che fa?
Gli Aretini vengono a Castiglioni, altrimenti agli Aretini continua la depressione iniettata col vaccino.
Dove è la regia su Arezzo che auspicavo 10…15 anni fa?
Prima aveva Cortona che le mordeva il calcagno, ora Castiglioni che è più vicina, le morde direttamente le parti intime.
Arezzo graffia l’Aria, un po’ di lavoro, ma Nulla rimane.
Siamo Aretini persi che nuotiamo in una palla tonda di vetro per pesci, anno dopo anno, corriamo sullo stesso vecchio terreno.
Cosa abbiamo trovato?
Le stesse vecchie paure, e limiti.
Vorrei che tu fossi qui.
A Castiglion Fiorentino.
E dato che la parte finale l’ho mutuata dai Pink Floyd,
allora
Wish You Were Here
.
Piero ROSSI
Aretino Turista ad Arezzo,
itAlien Immigrato in Italia
.
altri articoli di Piero Rossi
Viaggiare è fatale al pregiudizio, al bigottismo, ed alla ristrettezza mentale,
e per questi motivi molta della nostra gente ne ha fortemente bisogno.
Vedute ampie, sane, caritatevoli degli uomini e delle cose
non possono essere acquisite
vegetando tutta la propria vita in un piccolo angolo della terra.
Mark TWAIN,1869