Natural Bike Casentino

Una grande opportunità di promozione del territorio al suo primo grande evento sostenuto dal parco nazionale

Natural Bike Casentino è la libertà delle due ruote, il valore della condivisione, la voglia di scoperta, la forza dell’associazionismo.

Il 27, 28 e 29 maggio il Casentino, partendo da Bibbiena, si riunisce sotto la comune passione della bicicletta nelle sue diverse declinazioni.

Le gare cicloturistiche si snoderanno tra borghi di sasso pieni di misteri, angoli di meraviglia, luoghi di fede, piccoli paesi di montagna in bilico tra la nostalgia del passato e la voglia di futuro.

Una cosa mai tentata prima, Natural Bike Casentino è un modo per unire lo sport, la scoperta del territorio e il desiderio di incontro autentico con luoghi che non si finisce mai di amare.

Cosa aspettarsi? Semplicemente l’inaspettato ad ogni tornante, ad ogni salita, ad ogni sentiero.

Il resto è naturalmente magnifico.

Natural Bike è un’associazione che unisce varie anime dello sport e dell’associazionismo del territorio, e che si pone come obiettivo la promozione del Casentino verde da godere attraverso la mobilità dolce. A far parte di questa associazione, nata proprio negli anni della pandemia, sono la Casentino Gravel di Angiolino Piantini, la piccola cooperativa Oros, Mtb Casentino, Noi che… Bibbiena, Nrc Bike.

La manifestazione partirà il 28 maggio da Piazza Tarlati di Bibbiena con il raduno Gravel, Enduro, MTB, E-Bike.

Il 29 maggio sempre da Piazza Grande partiranno 4 diversi percorsi ciclo turistici.

Per coinvolgere tutte le famiglie, sono stati affiancati ai percorsi anche dei laboratori per bambini promossi e gestiti dalla Cooperativa Oros.

Sabato 28 maggio alle ore 16,30 si terrà al Museo Archeologico un laboratorio di scavo per bambini da 5 a 10 anni.

Sempre sabato 28 alle ore 15,30, invece sarà sempre dedicato a bambini e famiglie il percorso “Alla conquista del Castello di Gressa”, un’escursione guidata tra natura e storia.

Domenica 29 maggio alle ore 9,30 si propone anche un’escursione guidata sulle vie dei pellegrini.

La manifestazione è organizzata dall’amministrazione comunale, Uisp Arezzo, Noi che…Bibbiena, Nrc, MTB Casentino, Gravel Casentino, Roberto Fabbri per l’enduro.

L’evento però ha avuto anche il sostegno di tante associazioni del territorio, come il circolino di Serravalle per il ristoro e Noi che…Bibbiena per il pasta party finale.

Chi ha reso possibile questa grande manifestazione è il Parco Nazionale delle Foreste casentinesi.

A questo proposito il Presidente Luca Santini ha commentato: “La bicicletta, in tutte le sue versioni, anche quella a pedalata assistita, rappresenta una delle formule più compiute di mobilità a emissioni zero, ed ha un ruolo fondamentale nella valorizzazione del nostro Parco in una chiave sostenibile. Non esiste sviluppo senza conservazione e la tutela degli ecosistemi ha ricadute economiche per i territori molto maggiori e distribuite nel tempo rispetto a più tradizionali forme di sfruttamento intensivo delle biomasse”.

L’Assessora allo sport e turismo del Comune di Bibbiena commenta: “Un grande momento per un’associazione nata per legare lo sport all’aria aperta al nostro territorio protetto. La finalità di tutto questo è poter rendere questo evento qualcosa di continuativo e fisso nel nostro calendario di vallata. Ringrazio tutti coloro che si sono resi disponibili a dare un sostegno logistico e di idee, a chi si è adoperato a fare gruppo, a credere in qualcosa di più grande, a chi pensa che collaborare sia la base per riuscire. La promozione della nostra vallata è al centro della nostra azione e del nostro pensiero”.

Anche il Sindaco Filippo Vagnoli plaude all’organizzazione: “E’ importante ricominciare così, con l’entusiasmo ma soprattutto tutti insieme. Associazionismo, enti, realtà cooperative del territorio si sono uniti per qualcosa più grande. Direi che il successo di questa ma infestazione e il suo valore siano proprio contenuti in questo. Grazie all’Assessore Nassini e alle associazioni del Comune e ovviamente al Parco nazionale che ha reso possibile tutto questo”.