The Orphan’s Song di Lauren Kate

di Roberto Fiorini

Il romanzo storico d’esordio dell’autrice bestseller numero 1 secondo il New York Times, è una storia d’amore travolgente sulla famiglia e la musica – e i segreti che ogni contiene.
Una storia piena di musica e mistero che esplora il vibrante mondo della Venezia del XVIII secolo attraverso gli occhi di due orfani e del potere del loro amore.
Dopo aver costruito una carriera di successo scrivendo romanzi per ragazzi molto popolari, tra cui la serie Fallen, Lauren Kate ci ha regalato un romanzo incredibile.
Si intitola The Orphan’s Song – in Italia è stato pubblicato da Rizzoli con il titolo L’Opale perduto – ed è un successo editoriale internazionale.
Violetta si sentì meno sola.
Erano due spiriti affini su un tetto.
È una cupa notte di dicembre del 1725, Venezia è stretta nella morsa dell’inverno.
Violetta, cinque anni, si è rifugiata nella soffitta dell’istituto per trovatelli noto come Ospedale degli Incurabili, dove vive.
Oltre il vetro gelido di una finestra, con la sua bambola stretta al petto, sente il canto soave di una donna, giù in strada, e la vede abbandonare un bambino nella ruota.
Dieci anni dopo, in quella stessa soffitta piena di vecchi indumenti e violini rotti dove lei continua a sognare una vita libera, Violetta incontra Mino.

Violinista dell’ala maschile dell’orfanotrofio e primo essere umano capace di farle intravedere, attraverso il soffio suggestivo della musica, un orizzonte di speranza.
Ma questa inaspettata magia ancora non basta: troppo urgente è il desiderio di Violetta di diventare una cantante, e potrebbe essere un desiderio maledetto.
Un romanzo semplicemente da leggere, una storia di un amore ostacolato, in una Venezia magnifica e crudele, città delle maschere, luogo perfetto dove nascondere, fin che si può, i trasalimenti del cuore.

Vibrante anche per la bellezza di Venezia, L’Opale perduto ci conduce in un viaggio mozzafiato tra passioni, amori e tradimenti prima di un finale indimenticabile, un elogio al potere salvifico dell’amore.


Lauren Kate è nata a Dallas nel 1981, vive a Los Angeles con il marito ed ha venduto oltre 10 milioni di libri.
Con The Orphan’s Song ha scritto compitamente una suggestiva storia d’amore in cui il ruolo della musica è secondo solo al romanticismo.
Un romanzo da amare, appunto.
Le magnifiche descrizioni della Venezia del XVIII secolo fanno viaggiare nel tempo.
Le cose accadono gradualmente.
La narrazione scorre fluida, piacevole e coccola il lettore come una gondola guidata lungo i canali veneziani da un esperto gondoliere.
Un romanzo insomma che ipnotizza, affascinante e sensuale, dove i protagonisti assoluti sono la musica e il romanticismo.
Ho veramente adorato questo libro incontrato per caso.
I personaggi, le descrizioni, i sentimenti e le emozioni mi hanno fatto entrare in un modo molto intimo e personale nella storia di Mino e Violetta.
Si ride e piange con loro.
Si percepisce il loro amore.
Violetta, Mino e molti altri personaggi prendono vita pagina dopo pagina.
E dire che io non amo particolarmente i romanzi storici.
Ma in questo romanzo c’è molto da amare.
Venezia stessa entra a far parte della storia quasi fosse un personaggio così come la musica che pervade le righe quasi tu la sentissi per davvero.
Una scrittura non fiorita, semmai a tratti eccessivamente semplice, ma sempre frutto di una penna esperta.

per proporre la recensione di un libro scrivi a : [email protected]