A Bologna al via il Motor Show

BOLOGNA – Ha aperto il 5 dicembre alla stampa e agli operatori del settore la Trentunesima Edizione del Motor Show di Bologna.
I giorni di oggi e domani sono invece riservati agli operatori del settore. Il Salone dell'Auto aprirà poi al pubblico dal 7 al 17 dicembre presso i padiglioni fieristici di Bologna.

Il 4 dicembre si è svolta la tradizionale conferenza stampa organizzata da Promotor International e dal Centro Studi Promotor sul tema “La situazione e le prospettive del mercato dell'auto”. Nel suo intervento, Alfredo Cazzola, presidente di Promotor International ha illustrato i contenuti e i programmi di questa trentunesima edizione: “All'avvio del Salone dell'Automobile di Bologna, da quest'anno inserito nel calendario Oica, presentiamo una manifestazione di riferimento per un settore industriale che in Italia conta in tutta la filiera circa 400.000 addetti, sviluppa oltre 55 miliardi di euro di fatturato, vede spendere dalle aziende del comparto 1 miliardo di euro in pubblicità. E il Motor Show anche per questa edizione 2006 saprà rappresentare questa realtà al miglior livello possibile. Lo confermano le novità di prodotto che saranno ben 114, 14 delle quali anteprime mondiali, e l'attenzione dei media nazionali e internazionali per il Motor Show: sono attesi già da domani con la giornata dedicata alla stampa, circa 3.000 giornalisti da tutto il mondo. Ma vorrei sottolineare la presenza tra loro, degli operatori dell'informazione provenienti dall'area Bric (Brasile, Russia, India, Cina). Ci sembrava importante mettere a contatto i giornalisti di questi Paesi con i costruttori ed i capi azienda delle Case presenti a Bologna in questi giorni. Il futuro dell'automobile è ancora tutto da scrivere e si annunciano importanti cambiamenti in corso: basti pensare che i Paesi motoristicamente avanzati perdono progressivamente quote in termini di vendita e di produzione rispetto ai Paesi emergenti. Dicono i numeri: nel 1995 i Paesi avanzati assorbivano il 76% delle vendite mondiali, nel 2010 scenderanno al 58%. Un analogo andamento ci sarà nella produzione dove da una quota dell'80% nel 1995 si scenderà al 57% nel 2010. Significa che tra alcuni anni i Paesi emergenti rappresenteranno il 43% della produzione di automobili. Al Motor Show si discuterà anche di questo con workshop, incontri e Convegni. Senza dimenticare la Storia ed il passato delle quattro ruote con mostre a tema, dibattiti sull'evoluzione e lo sviluppo del prodotto auto nel corso degli anni”.
Novità importanti sul mercato del comparto automobilistico sono state annunciate nella relazione tenuta da Gian Primo Quagliano, direttore di Csp: “Le previsioni del nostro Centro Studi ci fanno stimare, nonostante un'annata difficile, un incremento di circa un 4% del numero delle immatricolazioni di auto per il 2006, che si attesteranno così sulle 2.330.000 unità. Nel 2007 se saranno confermati dal Governo gli incentivi alla rottamazione in discussione in queste ore, i nostri calcoli ci fanno prevedere che si raggiungeranno 2.610.000 vetture immatricolate. Un livello mai raggiunto che porrebbe il mercato italiano al secondo posto in Europa. Questo nonostante le misure adottate nei confronti delle auto aziendali che avranno un effetto negativo con circa 50.000 auto immatricolate in meno”.

Ieri è stata la volta di numerose conferenze stampa e presentazioni di anteprime mondiali con 25 Case automobilistiche e marchi pronti ad illustrare le novità di prodotto. Sono state presenti: Ford, Jaguar, Land Rover, Mazda, General Motors, Citroen, Peugeot, Toyota, Ferrari, Lancia, Alfa Romeo, Fiat, Opel, Saab, Chevrolet, Spyker Cars, Renault, Daihatsu, Suzuki, Skoda, Lamborghini, Audi, Tata, Nissan, Martin Motors.

Gli orari di apertura del Motor Show 2006 sono: da Giovedì 7 a Domenica 10 dalle 8,30 alle 18,00; da Lunedì 11 a Venerdì 15 dicembre dalle 9,00 alle 18,00. Sabato 16 e Domenica 17 dalle 8,30 alle 18,00.