Provincia di Arezzo ed Unicef insieme

La firma di accordi e protocolli di intesa è sempre un atto formale importante, ma quando accanto a questa firma ci sono contenuti del valore di quello sottoscritto tra Provincia di Arezzo e Unicef l’importanza formale diventa secondaria. Il Presidente della Provincia Vincenzo Ceccarelli e quello del Comitato provinciale dell’Unicef Giovanni Poggini hanno tenuto a sottolineare proprio questo presentando il loro accordo: "non stiamo facendo un colpo di teatro, ma con questo atto c’è l’assunzione di impegni precisi e molto importanti", hanno affermato Ceccarelli e Poggini.

La Provincia di Arezzo, stipulando il protocollo di intesa con l’Unicef, accetta, formalmente e sostanzialmente, l’applicazione della Convenzione sui Diritti dell’Infanzia quale strumento e punto di riferimento fondamentale nell’elaborazione di programmi finalizzati ad affrontare i problemi dei bambini e dei ragazzi della realtà provinciale. "E’ un cammino che stiamo già facendo anche prima di questa firma – ha sostenuto il Vicepresidente della Provincia Mirella Ricci – ed i cui risultati non sono solo sulla carta, ma anche concreti". La Convenzione sui Diritti dell’Infanzia è incentrata sul principio che i bambini e i ragazzi devono essere il soggetto centrale dei provvedimenti che li riguardano e che i loro interessi sono, in certi casi, prioritari rispetto a quelli, spesso contrastanti ,degli adulti.

Il Protocollo di Intesa tra l’Unicef e la Provincia di Arezzo non si ferma, comunque, solo a questo aspetto, dichiarando infatti esplicitamente la propria finalità nella realizzazione di progetti tra i quali avrà una priorità assoluta l’impegno a far si che tutti gli ospedali del territorio provinciale aderiscano all’iniziativa "Ospedale Amico dei Bambini", percorso che ha al momento intrapreso solo l’Ospedale di Bibbiena. Questo progetto ha come obbiettivo centrale quello di aiutare le mamme che hanno appena partorito ad allattare al seno i loro piccoli neonati.

All’Amministrazione Provinciale sarà inoltre chiesto di sensibilizzare quanti più primi cittadini ad assumersi l’impegno di divenire Sindaci Difensori Ideali dei Bambini, come hanno fatti il Sindaco di Bibbiena Ferruccio Ferri e quello di Cortona Andrea Vignini. "Negli strumenti urbanistici e nella realizzazione di opere pubbliche – ha detto il Presidente della Provincia Vincenzo Ceccarelli – è inoltre importante che i comuni tengano conto della necessità di creare ambienti a misura di bambino e di bambina e noi lavoreremo su questo". Una prima iniziativa concreta che la Provincia, l’Unicef e la Caritas Diocesana hanno già in programma è la presentazione, il prossimo 14 ottobre, del dossier "Uscire dall’Invisibilità, bambini e adolescenti di origine straniera in Italia".

Dopo la firma dell’accordo, il Presidente del Comitato provinciale dell’Unicef ha consegnato a quello della Provincia la bandiera ufficiale dell’organizzazione, ricordando anche che quella di Arezzo è una delle prime province in Italia ad avere stabilito questo rapporto di collaborazione. "Per questo pensiamo che per l’Unicef, per la Provincia di Arezzo e, soprattutto, per i nostri cittadini più giovani quello di oggi sia un momento veramente significativo ed importante", concludono il Presidente della Provincia Vincenzo Ceccarelli e quello del Comitato provinciale dell’Unicef Giovanni Poggini.

Articlolo scritto da: Provincia di Arezzo