Arrestato super latitante

AREZZO – Nella notte tra sabato e domenica scorsa all'altezza del casello di Arezzo veniva fermata una Tipo con due persone a bordo BA di anni 30 e DGA di anni 39 entrambi di Napoli. Dietro l'autoradio veniva rinvenuto un sacchetto di tela rossa contenente monili (vedi foto).
I due riferivano che erano stati rubati da qualche giorno in un'abitazione di Sondrio, abitazione sita al piano terra di una strada senza uscita dietro l'ospedale civile. Gli immediate accertamenti non permettevano di rintracciare il proprietario, l'oro veniva sequestrato.
L'attenzione degli agenti si spostava sulla carta di identità esibita da BA. Il documento sembrava perfetto, ma c'era un qualcosa, un piccolissimo particolare fuori luogo. Il controllo con la luce ultravioletta ne evidenziava delle anomalie, tanto da farlo ritenere falso.
BA messo davanti alle contestazioni dapprima negava, ma alla fine cedeva esordendo "Ma bravi!!! Sono 4 anni che mi cercano, solo voi avete capito che il documento è falso!!"
In effetti, come poi comprovato dalle impronte digitali, il nome della persona è risultato CR di anni 40 colpito da ben cinque mandati di cattura a partire dal 2003!!
L'uomo è stato quindi arrestato per la falsa carta di identità ed associato al carcere anche in esecuzione dei mandati di cattura.
Curiosità: nel 2004 CR era stato arrestato per furto da una stazione Carabinieri della Liguria, processato con direttissima e condannato. Nessuno si era allora accorto del suo falso nome.