L’Arezzo pareggia 0 a 0 con la Lucchese

AREZZO – L’Arezzo cercava la vittoria per agganciare la zona play off, i lucchesi speravano di mantenere una pericolosa concorrente a distanza di sicurezza. Alla fine brindano gli ospiti ma in casa amaranto non ci si stracciano certo le vesti. I risultati ottenuti dalle dirette concorrenti, infatti, consentono agli amaranto di recuperare un punto nella corsa all’ultima piazza che consente di disputare gli spareggi promozione. La squadra di Braglia viene ad Arezzo forte di una serie positiva di dieci gare consecutive ed affronta l’undici di Cuoghi con Giglio che agisce da unica punta supportato nelle fasce da Masini e Bertolini per un 3 – 4 – 3 molto dinamico. Dall’altra parte l’allenatore aretino risponde con l’ormai consueto 4 – 4 – 2 nel quale Savi e Togni che vincono il ballottaggio con Falsini e Miglietta. Partita subito pimpante con l’Arezzo che, non è passato un minuto, crea la prima occasione da goal. Martinetti tira da fuori area costringendo Castelli, che risulterà il migliore della Lucchese, alla respinta sulla quale arriva Chianese ma l’estremo difensore si ripete e devia in angolo. Gli ospiti si rendono pericolosi solo su calcio da fermo. Due punizioni entrambe battute da Renzetti ed palla che sorvola i pali difesi da Marconato. Gli amaranto soffrono le incursioni di Renzetti e Masini che sono i veri padroni della fascia destra dove Conte suda sette camicie per tentare di arginare i due. A cavallo della mezz’ora sono ancora i padroni di casa a creare due buone occasioni. Protagonista sempre Martinetti che prima con un tiro da fuori costringe Castelli alla respinta sulla quale libera poi Morello sull’accorrente Chianese e pochi minuti più tardi si libera a centro campo con una gran giravolta del suo avversario diretto per dirigersi verso la porta avversaria ma al momento del cross non trova compagni pronti ad approfittarne. La ripresa inizia con un’incursione di Renzetti, ancora lui, che dopo solo 18 secondi costringe Marconato alla deviazione di pugno. Seguono 5 minuti nei quali l’Arezzo è l’autentico dominatore della partita. Sembra che la rete possa arrivare da un momento all’altro ma Castelli oggi è insuperabile. Prima devia in angolo un gran tiro di Martinetti poi toglie, letteralmente, dalla linea di porta una palla che Rivas aveva ben indirizzata di testa ed infine compie l’ennesima prodezza nel deviare altro tiro da fuori area di Martinetti. La Lucchese non si lascia sopraffare e reagisce da grande squadra. Al 12’ Cuoghi prova la carta Bondi nella speranza di dare maggiore impulso alla manovra aretina ma oggi il fantasista brasiliano risulta evanescente ed il suo inserimento non da il risultato atteso. L’Arezzo prova fino all’ultimo a cercare il goal ma la Lucchese non si fa beffare ed anzi, proprio durante il recupero, crea la palla più insidiosa della giornata. L’azione si svolge sempre sulla fascia destra della difesa amaranto anche se cambiano i protagonisti. Cangi, che ha preso il posto di Bertolini, supera di slancio Pedro Lopez , subentrato ad un nervoso Conte, e crossa al centro dove Cesaretti arriva con un attimo di ritardo alla deviazione. In fin dei conti un risultato giusto ed una buona gara. La Lucchese vista quest’oggi è una squadra che può giocarsi sino in fondo le ch’ange di promozione ed anche il suo allenatore in sala stampa è visibilmente soddisfatto della prestazione dei suoi ragazzi: “Eravamo venuti ad Arezzo per ottenere un buon risultato e vi siamo riusciti al cospetto di una gran bella squadra. Io non parlo mai dei singoli ma oggi non posso non nominare Castelli, non solo per quanto a fatto in questa gara, ma per l’impegno che mette tutti i giorni e che poi da questi risultati”. Dall’altra parte anche Cuoghi si dice estremamente soddisfatto della prestazione dei suoi. “Ottima prestazione. Cero che se guardiamo solo al risultato possiamo parlare di frenata ma sono soddisfatto della prova offerta dai miei giocatori. Se proprio dobbiamo cercare il pelo nell’uovo allora dico che una maggiore freddezza in certe situazioni che si sono create sottom porta a seguito di rinvii e palle vaganti non avrebbe guastato.”
Marco Rosati

TABELLINO
Arezzo: Marconato, Conte (dal 22’ st Lopez), Lanzara, Bricca (dal 31’ st Miglietta), Ranocchia, Goretti, Rivas, Togni, Chianese, Martinetti, Savi (dal 12’ st Bondi).
Allenatore: Stefano CUOGHI—- Non entrati: Pettinari, Grillo, Cavagna, Myrtaj.

Lucchese: Castelli, Nocentini, Renzetti (dal 39’ st Cesaretti), Guidi, Chiarini, Morello, Bono, Briano (dal 36’ st De Simone), Giglio, Bertolini (dal 32’ st Cangi), Masini.
Allenatore: Piero BRAGLIA —- Non entrati: Moreau, Monatti, Pastiglia, Guariniello.
Arbitro: Giampaolo CALVARESE (Teramo) –
Assistenti: Andrea PAVESI – Luciano M. SPADACCINI
Ammoniti: 16’ pt Nocentini (L); 37’ pt Conte (A); 22’ st Briano (L); 23’ st Lanzara (A); 41’ st Bono (L).
Angoli: 7 a 1 per l’Arezzo