Spettacolo, ‘Sentieri d’ascolto’ nei teatri laziali

ROMA – Promuovere lo spettacolo, soprattutto quello indirizzato alle nuove generazioni. E' questo l'obiettivo di 'Sentieri d'Ascolto 2009', il progetto presentato dalla Regione Lazio, Assessorato alla Cultura, Spettacolo e Sport e l'A.T.C.L. (Associazione Teatrale fra i Comuni del Lazio), in collaborazione con università e istituti didattici locali, per rinnovare il pubblico nella ricerca di nuove fasce di spettatori, cercando di avvicinare i giovani alle diverse forme dello spettacolo dal vivo e alla contemporaneità dei suoi contenuti.

"A Roma e nel Lazio nell'ambito della cultura si stanno perdendo posti lavoro – ha affermato l?assessore alla Cultura, Spettacolo e Sport della Regione Lazio, Giulia Rodano, nel corso della presentazione del progetto, a Roma – esattamente come si stanno perdendo all'Alitalia o nell'edilizia, ad esempio. Peraltro – ha aggiunto – si stanno perdendo posti di lavoro sul fronte della produzione intellettuale".

"Investire sulla danza – ha proseguito l'assessore – è importante, perché sennò i nostri danzatori vanno all'estero; aiutare le università a formare il pubblico e gli operatori su questo fronte diventa un punto rilevante. Aprire canali di credito per le imprese di spettacolo – ha aggiunto – o comunque per l'impresa culturale, intesa in senso più generale, è altrettanto importante. Anche perché poi questo è un settore in cui a fronte di investimenti non rilevantissimi, si hanno possibilità concrete dal punto di vista occupazionale, civile e di sviluppo".

Infatti, la rassegna, giunta alla tredicesima edizione, in programma da marzo a maggio, presta particolare attenzione al pubblico giovanile e, come ogni anno, il programma è dedicato ai linguaggi del teatro di ricerca, di innovazione e alla nuova drammaturgia italiana ed europea. Per quest'anno le attività di 'Sentieri d'Ascolto' si concentreranno nei quattro capoluoghi della provincia del Lazio: Frosinone, Latina, Rieti e Viterbo, portando in ogni città rassegne di spettacoli affiancate da proiezioni, incontri, laboratori e, per la prima volta, un concorso-riconoscimento, il Premio 'Dodici Donne', dedicato al talento delle giovani attrici.

Frosinone sarà protagonista dell'inaugurazione di un nuovo spazio dedicato alla danza, l'ex Mattatoio, con la rassegna 'Recitar Danzando', mentre a Latina gli incontri saranno dedicati alla sperimentazione teatrale in Italia con 'La scena obliqua', quattro spettacoli e un incontro con il critico teatrale Franco Cordelli.

Inoltre, Rieti ospiterà la prima edizione del premio 'Dodici Donne', concorso teatrale dedicato al talento delle giovani interpreti, che avrà come madrine d'eccezione, nelle tre serate conclusive del concorso, le attrici Franca Valeri, Monica Guerritore e Paola Pitagora. Infine, Viterbo sarà teatro della rassegna 'Pirandello e poi…', serie di incontri, proiezioni e spettacoli dedicati al grande maestro siciliano, realizzati in collaborazione con la Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Moderne dell'Università della Tuscia.