Giostra del Saracino: terza giornata di prove

Arezzo – Abbiamo ormai superato metà dei giorni dedicati alle prove dei giostratori e quindi proviamo a tracciare un primo resoconto iniziando da chi questo pomeriggio è sceso per primo in lizza, Porta Sant'Andrea. Sia Vedovini che Stefano Cherici hanno concesso ai loro cavalli titolari un giorno di assoluto riposo ed hanno provato con i cavalli di riserva. Vedovini ha riportato in Piazza Stella con la quale ha corso tantissime giostre mentre Cherici ha usufruito di questo mercoledì per provare Pepito. Secondi a provare contro Buratto sono stati i giostratori di Porta del Foro Giusti e Bracciali i quali invece hanno provato con i cavalli titolari, rispettivamente, Luna e Napoleone. I due giostratori al termine della mezz'ora a loro concessa si sono dichiarati pienamente soddisfatti del lavoro svolto. Il terzo quartiere che ha provato è stato Porta Crucifera. Farsetti ha subito montato Enola Gay la cavalla con la quale affronterà la prossima Giostra per poi passare, in finale di tempo, a fare alcune carriere con Carlito Brigante. Vannozzi, che dovrebbe aver scelto l'esperta Giusy per domenica prossima, ha invece riproposto, come ieri d'altronde, Lonja. La cavalla ha confermato l'ottima impressione suscitata martedì permettendo a Vannozzi di colpire per ben due volte consecutivamente il centro emulando il suo compagno. Ultima tornata di prove per Porta Santo Spirito ed anche in questo caso sia Marco Cherici che Gori hanno optato per i cavalli di riserva Satana e Machine Gun. Ottima impressione ha destato proprio quest'ultimo cavallo che meno di un mese fa ha effettuato le batterie della tratta del Palio di Siena “rischiando”, tra l'altro, di fare parte del lotto di dieci “barberi” che si sarebbero contesi il “cencio”. Forse non esistono due manifestazioni così diverse come il Palio e la Giostra ma questo cavallo ha fatto vedere un carattere che si adatta perfettamente ad entrambe. Mancano solo due sessioni di prove prima della Giostra ed è molto probabile che domani (giovedì 1° settembre) i giostratori provino quello che viene definito il tiro da Giostra. Poi venerdì, soprattutto se le prove effettuate avranno esiti positivi, si assisterà ad un lavoro di rifinitura.

Articlolo scritto da: Marco Rosati